Premier League 24/a giornata: Vardy porta avanti il Leicester, inseguono City e Tottenham

Premier League 24/a giornata: Vardy porta avanti il Leicester, inseguono City e Tottenham

In testa il Leicester vince contro il Liverpool, bene anche City e Tottenham, fermato sul pari l’Arsenal, che non vince da ben 4 turni. Vittoriosi United, West Ham ed Everton, Chelsea non oltre il pareggio. Lo Swansea di Guidolin solo pari, Paloschi in campo

di G. Giammusso

Un Leicester attento e pronto nelle ripartenze affonda anche il buon Liverpool visto in questa seconda metà del campionato: in casa due perle di Vardy lanciano le Foxes a quota 50 punti; la prima è un’invenzione scaturita da un lancio di Mahrez, Jamie non ci pensa su due volte e tira un gran colpo da fuori area che si insacca alle spalle di Mignolet. Pochi minuti più tardi un assist di Okazaki sporcato dalla difesa si trasforma in una rete trasformata dal bomber di casa, che fissa il risultato sul definitivo 2-0. La squadra di Ranieri si prepara ad andare nella tana del Manchester City nel corso del prossimo turno, in un decisivo scontro scudetto, i Citizens sono infatti a soli 3 punti dalla testa. La squadra di Pellegrini, fresca la notizia della firma triennale dello spagnolo Guardiola sulla panchina a partire dalla prossima stagione, non perde concentrazione ed in casa del Sunderland passa con uno 0-1 siglato dal suo bomber Aguero; ci prova poi la squadra di casa, ma il palo prima e la buona guardia di Hart consentono al City di conservare il vantaggio e portare a casa i 3 punti necessari per rincorrere la capolista.

Terza vittoria consecutiva per il Tottenham, che convince anche sul campo del Norwich: ancora determinante il gioiellino Alli, che dopo poche battute dall’inizio del match ribatte in rete un tiro deviato dal portiere e scaturito da Eriksen; a metà primo tempo viene atterrato in area in chiara occasione da goal, è rigore. Incaricato a batterlo bomber Kane, che realizza e poi nel finale di partita porta a due le realizzazioni personali imbeccato in maniera furba dal solito trequartista danese, la pratica Norwich è archiviata, vittoria per 0-3 e vetta distante 5 lunghezze. Prosegue la crisi di risultati per l’Arsenal di Wenger, che in casa contro il Southampton non riesce a realizzare reti e lascia il risultato inalterato sull’iniziale 0-0, mentre la testa della classifica negli ultimi 4 turni è scivolata via, ed ora la stessa qualificazione europea è da difendere, con l’avanzata alle spalle di United e West Ham. Bene la squadra di Koeman che, dal canto suo, allunga la striscia di risultati positivi dopo le 3 vittorie consecutive rimediate negli ultimi turni di campionato.

I Red Devils portano a casa una vittoria rotonda contro lo Stoke: va subito in rete Lingard, generoso di testa in tuffo in mezza ad una selva di gambe della difesa dei Potters; di lì a poco raddoppio di Martial perfettamente imbeccato da Rooney, il copione si inverte ad inizio ripresa con l’attaccante francese che stavolta trova il capitano dello United, pronto a ribadire in rete, il match si chiude 3-0. In parabola ascendente gli Hammers, che dopo il pari strappato contro il City vincono contro l’ultima della classe, l’Aston Villa: le reti entrambe nella ripresa, Antonio su assist di Noble, poi Kouyate imbeccato da Valencia, per un agevole 2-0 che lancia la squadra londinese verso ambizioni europee.

Pari a reti incolori per Watford e Chelsea, in un match tutto sommato equilibrato, gli uomini di Hiddink sono comunque in striscia positiva, le Hornets sono una formazione arcigna che merita la nona posizione occupata in classifica, la posta in gioco viene equamente divisa, finisce 0-0. Torna alla vittoria che mancava addirittura dal Boxing Day l’Everton: a colpire stavolta non è bomber Lukaku, bensì una doppietta su rigore del trequartista Barkley nel secondo tempo, ed una realizzazione di Lennon nel primo, il match finisce 3-0 contro un Newcastle arrendevole.

Prosegue il blackout di risultati del Crystal Palace, che dopo un avvio esaltante si trova a confrontarsi con un filotto imbarazzante di 5 sconfitte consecutive, carnefice stavolta è un Bournemouth in forma, al terzo risultato utile consecutivo: in vantaggio i padroni di casa con Dann, la rimonta porta le firme di Pugh nel primo tempo ed il goal vittoria di Afobe, che lancia la neopromossa a +7 dalla zona retrocessione, per una salvezza che comincia ad assumere connotati di sempre maggiore concretezza. Pari agganciato nel finale per il West Brom, in casa contro i gallesi dello Swansea sono gli ospiti, dove esordisce l’italiano Paloschi – fortemente voluto da Guidolin – a partire dal secondo tempo, Sigurdsson apre le realizzazioni; a tempo scaduto è Rondon a fissare il risultato sul pareggio per 1-1.

Premier League 24/a giornata:
Arsenal – Southampton 0-0
Leicester – Liverpool 2-0
Norwich – Tottenham 0-3
Sunderland – Manchester City 0-1
West Ham – Aston Villa 2-0
Crystal Palace – Bournemouth 1-2
Manchester United – Stoke 3-0
West Brom – Swansea 1-1
Everton – Newcastle 3-0
Watford – Chelsea 0-0

Classifica:
Leicester 50; Manchester City 47; Tottenham, Arsenal 45; Manchester United 40; West Ham 39; Southampton, Liverpool 34; Watford, Stoke 33; Everton 32; Crystal Palace 31; Chelsea, West Brom 29; Bournemouth 28; Swansea 26; Norwich 23; Newcastle 21; Sunderland 19; Aston Villa 13

Marcatori:
Vardy (Leicester) 18; Lukaku (Everton), Kane (Tottenham) 15; Ighalo (Watford) 14; Mahrez (Leicester), Aguero (Manchester City) 13; Giroud (Arsenal) 12; Defoe (Sunderland), Wijnaldum (Newcastle) 9; Ayew (Swansea), Diego Costa (Chelsea), Barkley (Everton) 8

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy