Sean Cox, raccolto più di un milione per le cure. La moglie: “Grazie, siamo in debito con voi”

Sean Cox, raccolto più di un milione per le cure. La moglie: “Grazie, siamo in debito con voi”

Parla Martina Cox: “Sta continuando a fare piccoli progressi. Non ha più il sondino gastrico, ha cominciato a mangiare e bere nuovamente grazie all’aiuto del fantastico staff infermieristico. Ora dice anche qualche altra parola e prova a cantare con noi”

di Melania Giovannetti, @MelaniaGvn

L’appello per Sean Cox non è certamente rimasto inascoltato. Martina Cox, moglie del tifoso irlandese rimasto ferito gravemente negli scontri avvenuti prima del match tra Liverpool e Roma dello scorso aprile, ha rilasciato una nota ufficiale per ringraziare chiunque abbia fatto una donazione per le cure del marito: la campagna ‘Support Sean’ ha permesso alla famiglia Cox di raccogliere oltre un milione di euro, per la precisione 1,1. Una parte arriva direttamente dalla Roma: 100mila euro dalla fondazione Roma Cares, mentre altri 50mila sono stati donati personalmente dal presidente James Pallotta.

Abbiamo trascorso molto tempo con Sean durante il periodo di Natale al National Rehabilitation Hospital, dove continua a fare progressi – scrive la moglie Martina in una nota pubblicata dall’Irish Times -. Non ha più il sondino gastrico, ha cominciato a mangiare e bere nuovamente grazie all’aiuto del fantastico staff infermieristico. Ora dice anche qualche altra parola e sta provando a cantare con noi delle canzoni familiari. Sono segnali incoraggianti per tutti noi.

Durante questo periodo, la nostra famiglia ha provato a far comprendere a Sean tutto il sostegno pubblico che ha ricevuto negli ultimi 8 mesi dall’attacco. Gli abbiamo mostrato i post sui social media, i ritagli dei giornali e i video delle raccolte fondi fatte in Irlanda, in Inghilterra e anche fuori, la pagina GoFundMe e il sito SupportSean.com, le lettere e le magliette firmate per aiutarlo nella sua guarigione.

Un anno fa, in questo periodo, eravamo una normale famiglia in attesa di scoprire le novità che avrebbe portato il nuovo anno. Io o Sean non avremmo mai sognato che 12 mesi dopo ci sarebbero stati siti web o interviste ai media o eventi di raccolte fondi a causa di quello che è successo a Sean dopo essere stato attaccato lo scorso 24 aprile.

Anche se è stato un periodo tremendamente difficile, quello che ha aiutato me e i miei ragazzi a superarlo è stato il sostegno della famiglia, degli amici, dei tifosi e di tutta la popolazione. La campagna per Sean ci ha permesso di raccogliere 1,1 milioni di euro. Persone che non abbiamo mai incontrato sono state lì per noi in tanti, molti modi, insieme alla nostra famiglia, agli amici e alla comunità locale. Nel 2019 dovremo di nuovo affrontare questa battaglia, ma il nostro fardello viene alleggerito da questo amore e sostegno per Sean.

Grazie per tutto quello che avete fatto per Sean, la mia famiglia e per me durante il 2018. Alle comunità di Dunboyne, di Dublino, dell’Irlanda, di Liverpool e molti altri posti nel mondo; alle persone che hanno partecipato agli eventi per Sean, organizzato raccolte fondi o donato online; al bambino che ha mandato 5 euro della sua paghetta a casa nostra. Abbiamo un debito di gratitudine nei vostri confronti. Grazie e buon anno“.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy