Roma, terminate le visite di Kluivert. L’annuncio può slittare a domani – GALLERY – VIDEO

Roma, terminate le visite di Kluivert. L’annuncio può slittare a domani – GALLERY – VIDEO

Ieri sera lo sbarco a Fiumicino, oggi i controlli di rito ma la firma può slittare a domani. Un’operazione da circa 20 milioni, con una percentuale di rivendita pari al 9% da destinare per l’Ajax e il 20% del valore del cartellino indirizzato a Mino Raiola

di Jacopo Aliprandi, @JacopoAliprandi

Ieri sera il bagno di folla all’arrivo a Fiumicino, oggi le visite mediche e la firma sul contratto. Justin Kluivert inizia la sua prima vera giornata da romanista: poco prima delle 12, il giovane talento olandese è arrivato a Villa Stuart per i controlli medici di rito. Nel pomeriggio sarà a Trigoria per firmare il suo nuovo contratto quinquennale da 1,5 milioni più bonus a stagione. Un’operazione da circa 20 milioni (bonus compresi), con una percentuale di rivendita pari al 9% da destinare per l’Ajax e il 20% del valore del cartellino indirizzato a Mino Raiola.

LIVE

Ore 15.40 – Terminate le visite mediche di Kluivert, durate un po’ di più del previsto. Possibile che l’annuncio slitti a domani per risolvere gli ultimi dettagli dell’operazione.

Ore 12.50 – Kluivert prosegue le visite mediche, nel frattempo il talento olandese si mette in posa per alcune foto con una maglia della Roma e una sciarpa giallorossa.

Ore 11.5o – Justin Kluivert è arrivato a Villa Stuart per svolgere le visite mediche di rito, che dureranno circa tre ore.

CHI È – Nome da pop star che gli calza a pennello. Justin vive il calcio da protagonista assoluto. In campo non si nasconde, ma vuole la palla tra i piedi per inventare. Kluivert solo di nome, il nuovo acquisto della Roma non ha nulla del padre, ma è un’ala moderna: brevilineo, bravo con entrambi i piedi, veloce e forte nel dribbling. Un alter ego di Under, che ama giocare sulla fascia opposta (la sinistra), senza negarsi a spostamenti in caso di bisogno. In effetti Justin ha esordito nell’Ajax dei grandi proprio a destra, ma è a sinistra che ha dato il meglio di se in questa stagione. In Eredivisie quest’anno ha messo a segno 10 gol in 30 partite, compresa la tripletta al Roda Kerkrade dello scorso novembre (nessun 18enne dell’Ajax ci era più riuscito dall’81). Come detto, il dribbling è la sua arma migliore. Nello stretto è imprendibile, ama cambiare passo all’improvviso mentre lo vedi danzare sul pallone, come un serpente che ipnotizza prima di colpire. La caratteristica che però farà piacere a Di Francesco è la sua costante ricerca del centro partendo dall’esterno. L’impatto con la Serie A sarà complicato, ma il ragazzo ha le spalle larghe abbastanza per reggere l’urto.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy