De Rossi k.o. al piede, Kolarov torna a Roma. Kluivert in corsa per il Pallone d’Oro dei giovani

De Rossi k.o. al piede, Kolarov torna a Roma. Kluivert in corsa per il Pallone d’Oro dei giovani

Frattura alla quinta falange del piede sinistro per il capitano, la stessa che costringe il terzino serbo a lasciare la sua nazionale. Il mental coach di Santon: “Adesso sta ritrovando autostima e coraggio”

di Melania Giovannetti, @MelaniaGvn

Dopo 4 vittorie consecutive tra campionato e Champions, la Roma è costretta a fermarsi per lasciare spazio alle nazionali. Dodici i giallorossi inizialmente convocati in giro per il mondo, che nel corso della giornata sono però diventati 11: Kolarov ha risposto alla chiamata della Serbia, ma, dopo essere stato visitato dallo staff medico della sua nazionale, tornerà a Trigoria già nella giornata di domani per continuare a recuperare dalla frattura rimediata prima nel derby alla quinta falange del piede sinistro.

DE ROSSI K.O. – Incredibile ma vero: lo stesso identico infortunio ha colpito anche Daniele De Rossi. Oggi il capitano ha varcato la porta di Villa Stuart – dove ha fatto anche visita allo sfortunato Riccardo Calafiori – per sottoporsi ai controlli strumentali: confermata la frattura della quinta falange prossimale del piede sinistro rimediata al 6’ del primo tempo della sfida di sabato scorso contro l’Empoli. I tempi di recupero verranno stabiliti in base al decorso clinico. Intanto già da domani pomeriggio a Trigoria torneranno ad allenarsi i calciatori non convocati in nazionale, anche se già oggi Pastore era al lavoro per recuperare al meglio dal risentimento al polpaccio sinistro.

SANTON E IL MENTAL COACH – “Per me essere un giocatore della Roma vuol dire rappresentare la mia città. Non c’è niente di meglio che possa capitare a un calciatore, sono fiero e orgoglioso di essere qui”. Tra risate e battute, Lorenzo Pellegrini dichiara al mondo ancora una volta tutto il suo amore per Roma. Al suo fianco anche Stephan El Shaarawy e Bryan Cristante: i tre giallorossi sono stati protagonisti di ‘Q&A’, la nuova rubrica in cui i calciatori della Roma si intervistano a vicenda. Se per il Faraone “arrivare a Roma è stato un punto di ripartenza. Spero di restare qua”, l’ex Atalanta si sofferma sulla sua esperienza all’estero, sulla cucina e sul gol più bello fatto lo scorso anno: “Sicuramente quello di testa alla Juve”. Domani a Trigoria ritroveranno anche l’amico Santon, tornato alla ribalta dopo le ultime prestazioni positive. “Si è subito trovato bene con la Roma e ha percepito un senso di appartenenza al clubha dichiarato il professor Tinelli, mental coach del terzino, a Forzaroma.infoQuesto grazie al lavoro che è stato fatto con la società che lo ha voluto. Adesso sta ritrovando autostima e coraggio, ma quando invece abbiamo iniziato questo lavoro era davvero molto complicato, soprattutto a livello mentale. Davide era molto demotivato: l’ambiente interista non era dei migliori, lui era diventato il capro espiatorio di una squadra che otteneva risultati altalenanti”.

KLUIVERT TRA I MIGLIORI UNDER 21 – Secondo France Football, Justin Kluivert è tra i 10 migliori calciatori Under 21 del mondo. Il nome del giovane attaccante della Roma è apparso tra i candidati della prima edizione del Trofeo Kopa, il nuovo Pallone d’Oro dei giovani. Il favorito, ovviamente, è Kylian Mbappé del PSG, ma l’olandese giallorosso è in ottima compagnia: insieme a lui anche Donnarumma, Cutrone e Pulisic. Nessun romanista tra i candidati al Pallone d’Oro dei grandi, ma tra i 30 nomi compare anche quello di Alisson grazie alla sua fantastica stagione tra i pali della Roma.

ALTRO ARRESTO PER L’ASSALTO A COX – Tornando in Italia, la Polizia ha arrestato un 30enne romano a causa degli scontri prima della sfida tra Liverpool e Roma che hanno portato al grave ferimento di Sean Cox. “Sull’uomo pendeva un mandato d’arresto europeosi legge nella nota delle forze dell’ordine di Liverpoolcon l’accusa di aggressione. L’uomo di 30 anni è apparso in tribunale a Roma sabato 6 ottobre ed è stato rinviato a giudizio in vista di un’udienza di estradizione”. Intanto parla Martina Cox, moglie di Sean: “Riesce a vedere, ma la sua vista è compromessa. La cosa peggiore è che non riesce a comunicare con noi. Dicono che non tornerà la stessa persona, ma noi ci proveremo fino alla fine”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy

// inizio configurazione per forzaRoma // fine configurazione per forzaRoma