Monchi: “Non cambio modo di lavorare, devo dare stabilità alla Roma. N’Zonzi? Non è vicino” – FOTO GALLERY – AUDIO – VIDEO

Monchi: “Non cambio modo di lavorare, devo dare stabilità alla Roma. N’Zonzi? Non è vicino” – FOTO GALLERY – AUDIO – VIDEO

Il ds giallorosso ha parlato in conferenza del rinnovo di Florenzi e del mercato: “Il mio giorno più bello da romanista. Il francese mi piace, ma non è l’unico”

di Redazione, @forzaroma

BOSTON – Florenzi e la Roma fino al 2023. Nel pomeriggio i giallorossi hanno dato l’annuncio ufficiale del prolungamento di contratto: soddisfazione reciproca, come confermato da Monchi nella conferenza stampa americana al fianco del numero 24. Non solo, il ds spagnolo ha fatto il punto della situazione sul mercato, ormai entrato nella fase finale.

MONCHI IN CONFERENZA STAMPA

Oggi, dopo 15 mesi che sono qui, è uno dei giorni in cui sono più felice e contento. Non solo come direttore sportivo, ma come persona che comincia ad amare la Roma. E’ un giorno di felicità perché uno dei nostri figli ha rinnovato il contratto e rimarrà qui almeno 5 anni. E’ un giorno di felicità perché non so quanto tempo sarò qui, ma se resterò tanto tempo voglio essere romanista come lui. Non è stata una trattativa corta, ma dal primo momento ero convinto che sarebbe finita bene. Perché Alessandro voleva rimanere qui, ha avuto offerte importanti per partire, a livello sportivo ed economico, ma ha scelto di restare qui. E’ un esempio come professionista e romanista.

Cosa significa aver trattenuto un giocatore forte come Florenzi?
Io ho parlato di cuore perché mi piace. Lui è forte, ma ha una virtù che è quella di giocare in diversi ruoli e lo fa bene. La Roma col suo rinnovo è più forte. E’ un acquisto importantissimo per la Roma.

Cosa significa avere dei figli di Roma nello spogliatoio?
Noi abbiamo bisogno di giocatori che capiscano cosa è Roma e giocare nella Roma. E’ importante questo percorso per chi arriva. A Roma è diverso, è difficile da capire ma è una cosa molto grande. C’è bisogno che qualcuno ti spieghi cosa significa la Roma ed è difficile farlo meglio di Daniele e Alessandro. Io dopo 15 mesi sto capendo cosa significa essere della Roma, è diverso ma è bello.

Su N’Zonzi.
Stiamo valutando il mercato in diversi ruoli, uno di questi è il centrocampo. N’Zonzi è un nome, ma non l’unico. E forse non è quello più vicino. Forse è il momento per voi di pensare ad altre possibilità, io so dove voglio arrivare. N’Zonzi mi piace, ma mi piacciono anche altri e non possono arrivare tutti alla Roma. Perciò credo che il mio lavoro è provare a fare la rosa più forte possibile e lavorerò fino al 18. Dormo un po’, più di quello che ha detto il mister ma non tanto.

Su Karsdorp. Sta bene, ci puntate?

Io sono tranquillo, è un piccolo problema muscolare, normale per un ragazzo che è stato senza giocare per un anno. Ha giocato due partite nel ritiro ed è normale, ma è un piccolo problema. Lui sta correndo e penso che domani o dopodomani rientrerà col gruppo. E’ il percorso logico di uno che ha avuto un infortunio importante. E’ un giocatore su cui puntare quest’anno.

Preoccupato dagli acquisti delle altre? Potrebbe rivalutare la sua filosofia?
Non sta a me valutare quello che fanno gli altri, io penso a cosa è meglio per la mia società. Il mio modo di lavorare è questo, non posso cambiare la mia vita. Sarebbe più facile pensare solo al presente, su questo sono giudicato ma sarebbe ingiusto verso chi mi ha portato qui. Io conosco quello che vuole la società e i numeri e sto lavorando per questo, per fare quello di cui penso la società abbia bisogno. Potrei agire diversamente pensando a me stesso ma sarebbe ingiusto. Bisogna dare una stabilità per il presente e il futuro, il giudice finale è il tempo. La prima stagione che ho fatto per questa società è stata buona, ma non voglio fermarmi qui. Questo è il mio modo di lavorare e continuerò così, poi capisco che qualcuno che non conosce la realtà può pensare che le parole di Pallotta su Messi siano vere. Ma so che stava scherzando. Questa è la realtà, non il progetto, che è una parola che qui non ha portato fortuna.

Senza un altro colpo che infiammi i tifosi si potrebbe cambiare giudizio sul mercato della Roma.
Torniamo indietro. A dicembre e gennaio tutti parlavano di questo ragazzino che era stato preso da un direttore sportivo scarso. Ora se dicessi che lo vendiamo mi menerebbero e neanche riuscirei a tornare a Roma. Le cose cambiano. Malcom è fortissimo, ma il mio lavoro è cercare altri uguali o più forti. Forse quando lo prendo, se lo prendo, non sarà un nome che emozionerà. Dieci giorni fa molti non sapevano neanche chi fosse Malcom e ora dicono che è fortissimo. Il giudice finale è il tempo.

C’è anche la possibilità che i soldi destinati per Malcom non vengano spesi?

Possiamo sapere i numeri, ma nessuno sa la realtà. Non è lo stesso comprare un giocatore pagando subito 15 milioni e uno pagandolo 30 magari in 6 anni. Stiamo cercando un profilo sportivo, ma anche economico. A me piacciono i numeri, è la mia maniera di lavorare e non cambio. I numeri sono importanti, ma devo costruire una stabilità. Cerchiamo profili forti ma anche fattibili economicamente. Ho avuto la fortuna che quando ho fatto questo ho anche vinto. Qui sto provando a fare lo stesso.

Difficoltà in uscita?

Chi sta qui prende i soldi. Avere tanti giocatori non aiuta, stiamo lavorando anche per quello. Non dipende solo da me sul mercato, a volte riusciamo a prendere un giocatore altre volte no.

Si è parlato di alzare l’asticella. Migliorare una semifinale di Champions vuol dire arrivare in finale o vincerla, mentre in campionato sarebbe più facile fare meglio dello scorso anno. Questi 11 acquisti possono aiutare la Roma più in campionato, per le rotazioni e il turnover, o in Champions, sul suo stile vincente in coppa?
Fare meglio in Champions e in campionato non è facile. Noi ci proviamo. Il mio discorso è sempre ambizioso, noi vogliamo lottare per quello in cui giochiamo. Sia il campionato, la coppa e la Champions. Vogliamo lottare per tutto, con una rosa profonda è più facile perché l’allenatore può fare cambi per arrivare in forma a fine stagione quando si decide tutto. Faccio il mercato per provare ad avere la rosa più forte possibile. E il mio modo di capirlo è questo lavoro.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy