Forzaroma.info
I migliori video scelti dal nostro canale

news as roma

Roma, ora serve un atto di fede

GettyImages

In Italia fa piacere che la Roma non alzi mai la voce. Che resti in quel limbo di galleggiamento in cui è facile fare i complimenti perché è difficile vedere i rischi di una ricostruzione

Francesco Balzani

Josè Mourinho recita l’atto di dolore. Lo recita forte e chiaro: “Questa non è la stagione per attaccare gli obiettivi in classifica, con un contratto di 3 anni questa può essere una stagione di dolore ma è molto molto importante per capire qualcosa che non ho capito prima di arrivare”. Lo Special One chiede di conseguenza un Atto di Fede. A tutta la piazza romanista, e forse anche a sé stesso in attesa di un doppio mercato che dovrà necessariamente rinforzare una rosa che - Mourinho o non Mourinho - ha più elementi deboli di un complesso musicale senza strumenti. Nessuno qui vuole salvare il tecnico da critiche necessarie. Perché l’atto di dolore ci sta, l’umiliazione no. E quelle con Bodo e Venezia sono sconfitte umilianti, enormi visti i valori delle rose in campo. Al netto di errori arbitrali altrettanto umilianti, altrettanto dolorosi.

È fastidio, invece, quello che si prova a fare da settimane appena Mourinho lascia gli studi televisivi. Perché dopo 12 giornate c’è la corsa a chi critica (difficilmente di persona) il portoghese in modo più originale. E non si parla della famigerata piazza romana, ma di quei media nazionali che per anni hanno tollerato a oltranza anche l’intollerabile. Tra chi paragonava in diretta televisiva Dodò a Cafu e chi giustificava Fonseca o Di Francesco fino all’ultimo giorno possibile, anche dopo le figuracce con Fiorentina o Spezia. Chiaro: mettere il nome di Mourinho fra i nemici fa più audience, appaga di più le mancanze di personalità e gli spazi di pubblicità. Ma non è solo questo. In Italia fa piacere che la Roma non alzi mai la voce. Che resti in quel limbo di galleggiamento in cui è facile fare i complimenti perché è difficile vedere i rischi di una ricostruzione. Perché diciamocelo: la Roma non fa seriamente paura da tanto tempo. Da quando i Sensi provarono a costruire qualcosa di colossale passando per diverse fasi: la ricostruzione tecnica, il mettere in guardia sugli arbitraggi, l’arrivo di un top come Capello e un primo anno di dolore terminato con lo scudetto della Lazio. Era una Roma enormemente più forte di questa, e aveva un presidente che voleva vincere a tutti i costi. È solo questo che deve alimentare oggi le paure dei tifosi. Non la presenza di un allenatore che vorrebbe il club fuori da quel limbo di falsi complimenti e veri lacché.