Zeman: «Roma come le big. I titolari? Si vedrà…»

di Redazione, @forzaroma

(Gazzetta dello Sport – A.Pugliese) Sarà anche vero che finora la Roma ha affrontato solo Liverpool e Rapid Vienna come avversari doc, ma a pensare alle sei vittorie (su sei) viene quasi da fare gli scongiuri. Troppo bello, soprattutto se paragonato all’avvio di stagione di Luis Enrique, che di questi tempi di schiaffi (premonitori) ne aveva già presi. L’anima di Zeman già si vede e non è un caso che anche dall’altra parte del globo si parli di lui come«dell’ultimo romantico del calcio», l’etichetta affibbiatagli da Placar, il mensile brasiliano di futebol.

 

«Sono soddisfatto di quanto fatto finora, anche se in questo periodo è normale avere dei piccoli problemi — dice il tecnico giallorosso — Se siamo alla pari con Juve, Milan e Inter? Non lo so, ma ho fiducia in questa squadra e so che può competere con tutti».Tradotto, con l’autostima del gruppo in crescita, Zeman si sente alla pari con le big. «La squadra mi piace, ma se è o no la più forte che abbia mai allenato lo dirà solo il campo».


STEK E PABLO
 E allora, meglio chiarire la posizione di Stekelenburg e Osvaldo, al centro di voci di mercato. «Per me Pablo è un giocatore importante e un titolare», anche se poi il boemo aggiunge: «Incedibile? Avete visto che giocatori considerati tali, poi sono stati ceduti».

 

Ergo,attenzione fino al 31 agosto, anche se Osvaldo gli piace: «Lui e Destro possono giocare centravanti ed esterno. Ma Destro è più mobile». Chi sarà il centravanti dipenderà dall’avversario di turno, mentre in porta dovrebbe toccare a Stekelenburg: «È un ottimo portiere. Non ho mai detto che non è adatto al mio gioco né pensato di cederlo. Ha saltato due partite per problemi fisici, tutto qui. Se è titolare? Non si sa, come non si sa se lo sarà Totti. A lui ho detto di tenere meno la palla e di giocarla di più per aiutarlo a esprimersi meglio. Per me sono tutti titolari, poi bisogna vedere in partita chi è più adatto». 

DIFESA E FUTURO
 Per ora Zeman è felice così, anche se dietro la Roma deve fare ancora qualcosa per compattare il reparto. «Si può migliorare in tutti i reparti, ma va bene anche così. Balzaretti è stata una mia scelta, lo cercavano tutti. Dodò mi aspettavo di averlo dall’inizio, ma ha problemi legati all’operazione, spero ritorni presto». Al centro, intanto, Sabatini sta lavorando per portare almeno un altro titolare. «Ma io lì ho anche molta fiducia in Romagnoli: è giovanissimo, ma sta facendo molto bene e può far parte della rosa». Una cosa comunque è certa, difficilmente nel futuro di Zeman si vedrà De Rossi difensore. «L’ho trovato bene, pensavo molto peggio. Il suo ruolo? Mediano centrale, ma anche mezzo destro o sinistro, a seconda delle situazioni». E chissà, allora, che Daniele non torni a giocare più vicino alla porta. Sarebbe l’ultima grande spallata al credo di Luis.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy