Vai Andreazzoli ?Il terzo posto? Difficile Ma noi dobbiamo provarci?

di finconsadmin

(Gazzetta dello Sport – A.Pugliese) ?Essere sognatori non ? un peccato, anzi. Chi non ha sogni ha gi? finito di vivere?. Quello suo, di Aurelio Andreazzoli, per ora si ferma a questa sera, alla sfida con il Genoa. Una partita sulla carta abbordabile, ma che nasconde delle insidie. ?Sono una squadra compatta ed equilibrata, che difficilmente subisce reti e che sa ripartire. Insomma, la meno adatta da affrontare in questo momento?. Ma se stasera arriver? una vittoria, per Andreazzoli sar? la terza in 4 partite, con un bottino di 9 punti. I suoi precedessori, Luis Enrique e Zeman, nelle prima 4 gare alla guida della Roma si sono fermati molto pi? in basso, a quota cinque.

 

 
REBUS DIFESA? I problemi, per?, non mancano, se non altro perch? ? a fortissimo rischio il baluardo della difesa giallorossa, Marquinhos. ?Non dovesse farcela, non penso che scaler? De Rossi in difesa ? dice il tecnico della Roma ? Daniele sta decisamente meglio rispetto a prima e quel ruolo lo pu? fare e anche bene, come lo ha gi? fatto in passato. Ma ho anche altre possibilit? ed a meno che non sia soffocato dalla situazione, voglio andare secondo logica?. Il che vuol dire arretrare tra i tre Balzaretti (difficile) o lanciare il baby Romagnoli (molto pi? semplice). ?Quando Zeman ha mandato in campo Marcos, pensavamo fosse un diciottenne immaturo, poi ha dimostrato di giocare come un trentenne?. Lo stesso vale per Romagnoli: ? pronto, se ne avr? bisogno non avr? problemi a sceglierlo, perch? so che mia far? una prestazione da giocatore di Serie A?.

 

 
TRENO IN ARRIVO? Una cosa comunque ? certa, vincendo stasera la Roma sarebbe pi? vicina all’Europa: sia quella dei piccoli (Euroleague), sia quella dei grandi (Champions). ?La realt? dice che c’? una situazione problematica in termini di punteggio?, chiarisce Andreazzoli, riferendosi al terzo posto. Ma sognare, appunto, ? legittimo. ?Abbiamo dei margini di miglioramento, soprattutto nel possesso. E poi c’? la questione della condivisione che ? fondamentale: tante piccole cose, messe tutte insieme, diventano quel famoso vagone…?. Che, per essere alimentato, ha bisogno del miglior Osvaldo e del miglior Lamela. ?Dani a Bergamo tatticamente ? stato splendido, come non l’avevo mai visto. Poi certo, se il parametro, come deve essere, ? la gara con la Juventus, allora ? andato un po’ al di sotto. Erik, invece, ? un po’ frenetico e a volte vuole fare tutto e subito. Ma sa saltare l’uomo e questa ? una prerogativa importante, che spesso toglie di mezzo la tattica?. Per ora, c’? da togliere di mezzo il Genoa. E poi continuare a sognare.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy