Totti, un pit stop che non preoccupa

di Redazione, @forzaroma

(Gazzetta dello Sport – A.Pugliese/M.Calabrese) Il sollievo di Totti è il sollievo di tutti. Allarme rientrato, preoccupazioni pure: dopo averlo visto ripartire all’improvviso dall’Austria, la paura ci ha messo una mattinata a svanire. Francesco, visitato ieri a Villa Stuart dal professor Mariani (lo stesso che operò il capitano sei anni fa per la frattura del perone) soffre di un’infiammazione al tendine peroneo della gamba sinistra, che da ieri ha iniziato a curare a Roma. A Irdning, è chiaro, non tornerà più, anche perché domani avrà un ulteriore controllo (dove effettuerà anche un’ecografia) con lo stesso Mariani per vedere se il versamento nel frattempo si sarà riassorbito o meno. Francesco perderà l’amichevole di sabato con il Liezen e qualche seduta di allenamento, vero, ma neanche poi tante (considerando che ieri per i giallorossi è stato quasi un lavoro di scarico). E, comunque, continuerà a lavorare con un differenziato che gli ha prescritto ieri lo stesso Mariani: stop con i carichi, solo qualche corsetta per non perdere il ritmo e, appunto, sedute di fisioterapia.

Giornata Mariani è arrivato a Villa Stuart alle 9.45, Totti l’ha raggiunto alle 11.15, accompagnato da Ilary, dal fisioterapista di fiducia Silio Musa (da quest’anno a mezzo servizio con la Roma, ma sarà lui a seguirlo personalmente) e da Vito Scala. Maglia bianca e bermuda, Totti è arrivato con un volto leggermente tirato, vittima magari di un po’ di preoccupazione. Volto che però, all’uscita, era già diventato molto più sereno. «È tutto ok, ma non torno a Irdning», ha detto Francesco lasciando Villa Stuart. Totti lì ha fatto una risonanza magnetica, che ha escluso problematiche alla placca (con 13 viti) inserita il 19 febbraio del 2006, dopo il tremendo infortunio legato all’intervento di Vanigli. Placca che verrà rimossa solo a fine carriera (a meno del sopraggiungere di ulteriori traumi pesanti, cosa chiaramente per la quale il capitano giallorosso fa scongiuri), perché necessiterebbe di un periodo di stop che oggi Totti non si può permettere.
Ottimismo Ma qual è il motivo dell’infiammazione? Molto probabilmente il sovraccarico di lavoro, a cui Totti non era più abituato da tempo, anche perché Francesco in questo primo scorcio di stagione ha svolto tutto il ciclo della preparazione. A conti fatti, però, c’è da essere ottimisti: Totti dovrebbe riaggregarsi al gruppo il 13 agosto o — nella peggiore delle ipotesi — il 16, quando la Roma riprenderà a lavorare a Trigoria dopo lo stop di Ferragosto. Zeman può stare tranquillo: Totti dovrebbe essere a disposizione per il 26 agosto, giorno di Roma-Catania. In quell’occasione, infatti, mancherà già Destro per squalifica. Non avere a disposizione neanche Totti non sarebbe certo una partenza fortunata.
0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy