Stadio Roma, il via nel 2012. E sono già stati spesi 75 milioni

Pronto un miliardo d’investimenti per migliaia di posti di lavoro. Se arrivasse lo stop, il club può far causa al Comune

di Redazione, @forzaroma

Sono passati 2.606 giorni da quando la speranza è lievitata davvero. Era il 29 gennaio 2012 quando, cominciando l’esame di circa 80 aree, la Roma ha cominciato a lavorare per dotarsi di uno stadio di proprietà. Con Pallotta mai tutto è parso così vicino. D’altronde la Tor di Valle Spa, la “newco” creata per portare avanti l’opera, solo per la fase progettuale ha speso circa 75 milioni, senza contare che lo stesso Pallotta ha rilevato dalla Eurnova di Parnasi i terreni su cui sorgeranno le strutture per circa 100 milioni.

Marino, nel dicembre 2014 fece approvare la “pubblica utilità” dell’opera. E il motivo è chiaro: un miliardo di euro d’investimenti, con un impiego di 3500 persone per la realizzazione e circa 5.000 a regime. Comprensibile, perciò, che la Roma voglia accelerare, anche perché da tempo sta cercando di vendere i “naming rights” dell’impianto, senza contare che – oltre al botteghino – anche una parte consistente degli introiti collaterali (ristoranti, shop) andranno nelle casse del club. La Roma sarebbe felice di giocarvi nel 2023. A Roma evidentemente, quando si costruisce, il tempo corre più che altrove.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy