Stadio in stallo «Ci sono criticità su alcune opere»

Il proponente privato deve rispettare tutte le condizioni che abbiamo posto. Il progetto che noi abbiamo visto il 15 luglio avrebbe bisogno di integrazioni che erano state promesse per i primi di settembre poi si è passati a metà novembre

di Redazione, @forzaroma

Le parole dell’ex assessore all’Urbanistica del Comune Giovanni Caudo, tra i collaboratori dell’ex sindaco Marino certamente quello che ha seguito l’iter più nei dettagli, risaltano ugualmente per l’inquietudine che generano. «Il progetto presentato dal proponente ha una mole importante di elaborati — ha raccontato a Teleradiostereo —. Noi abbiamo elencato anche tutto quello che mancava e abbiamo trasferito il progetto in Regione. In alcuni casi mancava una relazione, su altri aspetti mancava un elaborato. La regione il 5 agosto ha mandato una lettera al proponente e in questo momento è in attesa».
Come riportato nell’edizione odierna de “La Gazzetta dello Sport”, Caudo conferma che gli ostacoli non sono solo nei dettagli. «Le criticità riguardavano il quadro tecnico economico di alcune opere — ha spiegato l’ex assessore — e la distribuzione tra l’area destinata allo stadio e l’area destinata al business center». Criticità che è necessario risolvere. «Il proponente privato deve rispettare tutte le condizioni che abbiamo posto. Il progetto che noi abbiamo visto il 15 luglio avrebbe bisogno di integrazioni che erano state promesse per i primi di settembre poi si è passati a metà novembre». Ora siamo già a dopo le feste.

(A. Catapano)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy