Roma, ora ti difende lui. E l’olandese è al sicuro

di Redazione, @forzaroma

(Gazzetta dello Sport-M.Calabresi) Cosa c’è di più importante delle parole? I fatti. Domenica, Claudio Fenucci, amministratore delegato della Roma: «Stekelenburg resta qui». Fin qui le parole. Poi i fatti: Zeman sceglie l’olandese per difendere la porta contro il Catania, ieri la Roma cede Bojan al Milan, con relativo risparmio di ingaggio (poco meno di 3,2 milioni, siamo già a fine agosto) e un milione che incasserà dal Barcellona. Non i cinque di cui si è parlato lunedì nel Cda, ma comunque ci si va vicini. Per il boemo, Maarten Stekelenburg «è uno dei migliori portieri d’Europa, ma non vuol dire che non si possa giocare a calcio senza di lui»: come a dire che, se fosse servito, non si sarebbe opposto a una sua eventuale cessione, probabilmente in Inghilterra con Tottenham e Fulham interessate. Cessione che, a questo punto, non ci sarà.

In discussione (…) Nonostante le voci di un suo possibile addio domenica ancora fossero in piedi, Stek in campo ci è andato, ha subìto due gol, ma ha compiuto la prima parata decisiva della sua stagione, su Gomez, che avrebbe dato il 2-0 al Catania, chiudendo probabilmente la partita. Di parate, ne aveva fatte anche con Luis Enrique, ma qualche errore di troppo e la poca predisposizione a giocare fuori dall’area piccola (che gli causò anche due cartellini rossi, contro Lazio e Juventus) hanno insabbiato quello che di buono era riuscito a combinare.

Da Milano a Milano Il 17 settembre di un anno fa ha cambiato la carriera romana dell’olandese: da quel calcio in testa di Lucio (con trauma cranico e trauma cervicale), per qualcuno Stekelenburg non è più lo stesso. Timoroso e ancor meno pronto a travolgere gli avversari, a dispetto dei suoi 197 cm. Si giocava a Milano, contro l’Inter, proprio come domenica prossima (Stek ci già è tornato per affrontare il Milan ed è stato il migliore): quello stadio è la nuova casa di Bojan, che con la sua partenza ha sancito la permanenza dell’olandese a Roma.

E Goicoechea? Si pensava che, in caso di partenza di Stek, sarebbe arrivato l’uruguaiano Goicoechea a giocarsi il posto con Lobont, scenario che aveva creato più di qualche malumore: tutto rientrato, con l’olandese titolare, il romeno secondo e l’arrivo dell’uruguaiano (bloccato, si deciderà nelle ultime ore di mercato) che non esclude la convivenza dei tre, come confermato da Zeman. Difficile, visti i numeri che accompagnano il boemo, andare sotto i 44 gol subiti dell’anno scorso, ma dopo un’estate di parole, ora per Stekelenburg è il momento dei fatti.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy