Piris in volo «Tranquilla Roma Dammi 15 giorni e metterò le ali»

di Redazione, @forzaroma

(La Gazzetta dello Sport – A.Pugliese) – «Chi è Piris? Un bravo ragazzo, che speriamo di riscattare a fine stagione, ma soprattutto un marcatore molto abile nell’uno contro uno». Il biglietto da visita è quello del d.s. Walter Sabatini, che per prendere Ivan dal Deportivo Maldonado ha scardinato un accordo già fatto con il Siviglia. «Eravamo ai dettagli, poi è arrivata la Roma e ho cambiato idea», dice lui[…]

Chi è «Le mie caratteristiche principali sono la marcatura e la velocità — dice l’esterno destro —. Noi paraguaiani ci caratterizziamo per la dedizione e la grinta. Sudiamo sempre per la maglia. Con noi le partite non sono mai finite. L’anno trascorso in Brasile (al San Paolo, ndr), poi, mi ha insegnato a giocare più in attacco rispetto a quanto facessi in Paraguay». Ancora, però, non quanto vuole Zeman, almeno a vedere la sua unica uscita in giallorosso, anche se Piris sembra avere le idee chiare sul ruolo. «La spinta sulle fasce dipende anche dal calciatore che gioca dall’altra parte[…]»

Vincere Piris oggi balla tra passato, presente e futuro. «Il mio idolo? Mi sono sempre ispirato a Francisco Arce (ex terzino destro del Paraguay e oggi suo c.t., ndr). E mi piacerebbe ripercorrere la carriera di Javier Zanetti». Sarebbe oro, magari alla Roma basterà anche qualcosa in meno. «Di questa squadra conoscevo Totti, uno dei calciatori più bravi che ho visto giocare. E poi Lamela e Burdisso, di cui ho sempre sentito parlare». E lui? «Vengo da una stagione al San Paolo cominciata bene e finita faticando, a causa di un infortunio — chiude Piris —. Ora c’è una nuova avventura: sto migliorando giorno dopo giorno, in due settimane sono sicuro di poter volare, spero di essere in campo già con il Catania. Obiettivi? Sono venuto per vincere il campionato. […]»

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy