Nuova Roma stesso Florenzi. Uomo ovunque

di Redazione, @forzaroma

(Gazzetta dello Sport – M.Calabresi)?Certo che, da quel Roma-Sampdoria del 22 maggio 2011, ad Alessandro Florenzi ne sono successe di cose. Quella sera, con la Roma gi? sicura di andare a giocare l’Europa League l’anno dopo (senza sapere quello che avrebbe combinato solo tre mesi pi? tardi con lo Slovan Bratislava), Montella decise di dare la standing ovation a Totti e regalare qualche minuto a un ragazzino: mai nessuno, tantomeno quel ragazzino, si sarebbe immaginato che potesse diventare un intoccabile della prima squadra. Della Primavera lo era gi?, tanto da vincere lo scudetto da capitano qualche giorno dopo, ma tra grandi e piccini c’? un abisso, e lo sa bene anche Alessandro.

 
DA ZEMAN AD AURELIO??Dopo l’exploit di Crotone, si ? ritagliato pian piano un posto a centrocampo, la fiducia di compagni e allenatore e pure la maglia della Nazionale, con cui mercoled? in Olanda ha collezionato la seconda presenza. Ha segnato gol importanti (tutti di testa, tranne l’ultimo, a Bologna) e rinnovato il suo contratto, passando dall’essere il giocatore meno pagato della Serie A a un 21enne straprivilegiato rispetto alla media della sua et?. Il tutto, con Zeman in panchina: ma ora che il boemo sulla panchina non c’? pi?? Come cambia la stagione di Florenzi? Detto che il centrocampista di Vitinia ? stato uno dei pi? dispiaciuti dell’addio di Zeman (in campo, anche contro il Cagliari, ? stato uno dei pochissimi a non risparmiarsi), da domani inizia una nuova vita. Che ? subito a un bivio: quello che riguarda il ruolo da ricoprire a Marassi.

 
DOVE LO METTI? ?L’infortunio di Osvaldo (che dopo l’allarme di ieri verr? valutato meglio stamattina), potrebbe aver sbarrato una delle due strade, quella dell’attacco a due punte. A sua volta da dividere in due: o il 4-3-1-2, che Andreazzoli ha spiegato ai giocatori nella riunione in sala video, o il 3-5-2, abbozzato in campo e che in un prossimo futuro potrebbe rappresentare il segno distintivo dell’era andreazzoliana. Non ce la facesse l’italoargentino, e con Totti centravanti, nel 4-2-3-1 che sceglierebbe il tecnico, probabile che il ruolo che spetter? a Florenzi sia quello di ?incursore? coniato da Spalletti per Perrotta. Tutto, dunque, meno che regista, ruolo che Florenzi ha ricoperto quando era ancora un ragazzino. Oggi ? sul punto di andare via di casa e iniziare la convivenza con la fidanzata Ilenia. ? diventato un ?ometto?, Alessandro, e non solo in quello.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy