?Mister, sei fuori?. Ma lui ? a giocare a golf… Se lo sentiva. ?Avrei continuato. Ho dato tutto?

di Redazione, @forzaroma

(La Gazzetta dello Sport – A.Catapano) – Nel 1999 lo seppe dai giornalisti, e se ne fece gran cruccio con Franco Sensi. Ieri, pare che lo abbiano saputo prima cane, gatto e canarino. Ma, almeno in questa circostanza, la dirigenza della Roma non ha colpe: Zeman non si trovava. A casa non c?era e al telefono non rispondeva. Lo hanno cercato per mari e monti, tutta la mattina, ma del boemo non c?era traccia. Irreperibile. Possibile che a nessuno sia venuto in mente di rintracciarlo nel suo posto preferito, le 18 buche del Parco di Roma Sporting Club? Zeman non si era dato alla macchia, ma pi? banalmente al golf[…]

 

Mazze e mazzata Ecco, perfino il momento dei saluti tra la Roma e Zeman? stato un paradosso:mentre lui si esibiva in uno swing, i dirigenti giallorossi erano rinchiusi nell?ennesimo concilio per partorire l?ultimo (?) comunicato di questa strana (anzi, paradossale) gestione americana: fuori dal campo un modello di efficienza, dentro una collezione di errori, tali e tante da costringere qualcuno a rivedere le figure di Daniele Prad?, Bruno Conti e, perfino, Rosella Sensi! Ma insomma, mentre Zeman andava in buca, la Roma (che ora vorrebbe dargli una buonuscita per non pagarlo fino al 2014) lo mandava in malora.[…]

 

Senza ragione E lui, il boemo, come si sente? Di sicuro, se lo sentiva. Venerd? sera aveva capito di non avere pi? la squadra dalla sua parte (ma l?ha mai avuta?) e per questo ai pi? intimi aveva confidato di sentirsi tradito.Difficilmente, considerato l?alto livello di autostima che lo guida, Zeman se ne far? una ragione. Ieri, solo un paio di frasi hanno oltrepassato la cortina di fumo intorno al boemo, ma significative: ?Io avrei continuato. Mi dispiace per i tifosi della Roma, ma ho dato tutto?. Nel ?99, si spieg? la scelta di Sensi di affidare la sua panchina a Capello con una esigenza politica: Don Fabio era meno sgradito al Palazzo. Ma stavolta? Lungi dal boemo trovare una spiegazione nei numeri negativi della sua Roma: 9 sconfitte in 23 partite, 42 reti subite, ottavo posto in classifica. N? la lettura del curriculum lo convincer? che il suo calcio, forse, ? un tantinello superato: con quello di ieri fanno 9 esoneri, 1 retrocessione, tre promozioni (due in A), zero titoli. […]

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy