«Roma, conta anche su di noi»

di Redazione, @forzaroma

(La Gazzetta dello Sport – A.Catapano/M.Cecchini) – I sommersi e i salvati. Il futuro della Roma è nel lavoro di una cooperativa benedetta dal talento e zavorrata dall’incostanza.

Da questo punto di vista la partita di Palermo rappresenta una nuova svolta (l’ennesima) di una stagione che graficamente potrebbe essere rappresentata come un elettrocardiogramma di un innamorato al primo appuntamento. Lo spread tra buone notizie ed ansie, però, stavolta tende felicemente ad aumentare per Luis Enrique, visto che ha avuto risposte confortanti da un gruppetto di giocatori da dopo il derby nel mirino di critica e tifoseria per essere entrati nella spirale di una crisi a metà fra il tecnico e lo psicologico.

Lobont & Co. Ecco, fra i sommersi tornati a galleggiare c’è senz’altro Lobont. Il portiere romeno, che ha una media-gol subiti sensibilmente inferiore al suo collega titolare Stekelenburg, ha dimostrato di avere tutta l’affidabilità che serve, anche perché sia nel gioco coi piedi, sia nel posizionamento fuori porta si è dimostrato probabilmente superiore all’olandese, il cui ruolo comunque non è in discussione. Più numeroso invece il gruppo dei salvati. Il primo, forse il più dileggiato alla luce delle grandi speranze che aveva suscitato, è Kjaer. Contro la sua ex squadra la prova del difensore danese è stata autorevole. […]

. Proprio vero, ed il merito stavolta è anche di Josè Angel, apparso tonico in attacco, ma soprattutto più concentrato del consueto in difesa. L’impressione, perciò, è che dopo essere scivolato malinconicamente in panchina lo spagnolo voglia riprendersi il tempo perduto, magari fungendo da stimolo al dirimpettaio Rosi, anche lui soggetto ad altimetrie nel rendimento. Soliti noti e non solo Una cosa è certa: lo 0-1 di Palermo ha interrotto una emorragia di gol in trasferta che durava dal 21 dicembre (0-2 a Bologna). […]

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy