Lobont e Toro Sfida mondiale “Che peccato…”

di finconsadmin

(Gazzetta dello Sport – C.Zucchelli) «Appena ho visto che lo spareggio sarebbe stato contro la Grecia ho pensato: no, Toro…». Toro è Torosidis e chi parla è Bogdan Lobont, il portiere della Romania (e vice di De Sanctis nella Roma) costretto a sfidare il suo compagno per un posto al Mondiale. Strana storia la loro: riserve nel club, anche se il greco complice l’infortunio di Maicon qualche partita l’ha giocata e con buoni risultati, titolari nelle rispettive nazionali che venerdì si sono sfidate nella gara d’andata, in cui la Grecia ha prevalso 3-1. Sia Torosidis sia Lobont hanno giocato 90’: il primo si è messo in evidenza per l’assist a Salpingidis in occasione del 2-1, il secondo ha invece mostrato qualche insicurezza che la Romania ha pagato a caro prezzo. Martedì a Bucarest il ritorno, ma i greci adesso si sentono, e di diritto, favoriti. Che lo fossero, Lobont lo aveva detto già qualche giorno fa, ma aveva garantito «che la Romania ha la convinzione di potercela fare. Non ci sentiamo vittime». E in effetti i romeni se la sono giocata, almeno all’inizio. «Giocare il Mondiale – ha aggiunto Lobont – è il sogno di ogni calciatore».

 

 

 

SOGNI ROMANISTI Se andare a Rio è un sogno, lo scudetto della Roma sembrava un’utopia. Adesso i giocatori ci credono, forti di una squadra imbattuta e di un gruppo unito. Per questo, racconta ancora Lobont, «quando ho visto gli spareggi il primo pensiero è stato per il mio amico Toro. È un peccato che uno dei due debba rinunciare al Mondiale, ma da mercoledì torneremo ad essere compagni». Come se nulla fosse? «Beh – ammette –, uno di noi sarà più felice. Ma è il calcio, d’altronde tutti e due abbiamo grandi aspettative per questa partita».

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy