Borriello: “Ho un rimpianto: non aver giocato in coppia con Totti. So cosa manca alla Roma ma non lo posso dire”

“Eravamo considerati in alternativa. Peccato che la Roma non mi abbia dato fiducia. Sarei rimasto lì per tanti anni, ma non giocavo mai” aggiunge il bomber del Carpi

di Redazione, @forzaroma

“La strada che ho preso mi ha arricchito a livello personale. – dice Marco Borriello intervistato da La Gazzetta dello Sport – Sono stato al Milan per sei stagioni. Ho giocato poco, tranne nella stagione di Leonardo, ma ho vissuto con dei campioni: è stata una scuola di vita. Non rimpiango nemmeno di essere andato a Roma. E poi i cambiamenti mi hanno fatto crescere. Adesso ho ancora molte motiva zioni. Però, pensandoci bene, un rimpianto ce l’ho: non aver giocato in coppia con Totti. Eravamo considerati in alternativa. Peccato che la Roma non mi abbia dato fiducia. Sarei rimasto lì per tanti anni, ma non giocavo mai: poi cosa avrei raccontato ai nipotini…?”.

Ha segnato 101 gol, ne mancano 24.899 gol per arrivare al totale di quella frase meravigliosa: «Sto in panchina io che ho fatto 25.000 gol». Ha rivisto la scena su youtube?
«Certo. E rido ogni volta. Fu uno sfogo sano per un’arrabbiatura sana. Ottavi di Champions, Roma­Shakhtar, nel girone avevo fatto 4 gol in 6 partite, eppure ero di nuovo in panchina».

Restando a Roma, il suo gol al Chievo regalò il record delle 10 vittorie consecutive a inizio campionato. Garcia sognava lo scudetto. Cosa manca?
«A Trigoria si respira la storia. Roma è un ambiente bellissimo, ma anche difficilissimo per le pressioni. Bisogna tenere i nervi saldi. Non c’è in Italia una squadra così ricca di talento. Però si vede che manca qualcosa: io so cosa, ma non glielo posso dire».

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. noel - 5 anni fa

    Caro Marco: La Roma ti ha sempre sostenuto fino alla fine del tuo contratto. E` giusto ‘aiutare’ la societa` dicendo cosa le manca.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy