Andreazzoli: ?Roma, occhio al Palermo E non pensiamo al derby?

di finconsadmin

(Gazzetta dello Sport – M.Cecchini) C’? un fantasma che si aggira su Trigoria. Si chiama derby, e proprio per questo ? alla vigilia della sfida contro il Palermo ? ad Aurelio Andreazzoli tocca vestire i panni del ?ghostbuster? con una missione di fondo: convincere tutti ?che il match contro l’ultima in classifica vale come quello contro la capolista, perch? quando si ? disperati si moltiplicano le forze?. La singolarit? della situazione, tra l’altro, in viaggio ? accentuata anche dalla presenza sullo stesso volo della Roma di Cangelosi, vice di Zeman. Un tuffo nel passato che si associa all’attenzione voluta da Andreazzoli. ?Anche noi quando giocammo contro la Juve eravamo un po’ disperati. La classifica dice che siamo pi? forti, ma se non comprendiamo che affrontiamo una squadra solida dal punto di vista tecnico e che ? motivata, possiamo avere problemi?. Il tecnico non fa drammi per la sosta, ma sopporta meno i riferimenti alla Lazio, ad esempio nella gestione dei diffidati. ?Questo credo che sia il difetto del nostro ambiente. Bisogna pensare a una gara dietro l’altra. Se cominciamo a fare ragionamenti cos?, vuol dire che questa idea non l’abbiamo precisa. Conferenza congiunta con Petkovic? Ne avrei molto piacere. ? una persona che mi piace molto. Se pu? servire a stemperare gli animi ben venga. ? importante, ma ? pur sempre una partita?. In attesa che si dia il via libera sia a una conferenza congiunta dei presidenti sia al recupero dell’Harlem Shake saltata 2 giorni fa.?

 

 
PERROTTA & DE ROSSI? Del rosario di domande, un paio coinvolgono direttamente due suoi pupilli. ?De Rossi? Siamo sempre molto critici verso un giocatore che per me sta facendo bene. Ci ha abituato a prestazioni esaltanti ed ? cos? che lo vorremmo rivedere, ma non si pu? schioccare le dita e far s? che questo accada. La condizione morale, fisica e tecnica si era abbassata e la sta recuperando. Rinnovare il contratto a Perrotta? All’interno di uno spogliatoio, quando tu riesci ad avere un’alta percentuale di professionalit? e di storia, credo che disperderla non sia la soluzione migliore. Nel suo caso c’? anche un aspetto fisico perch? ? un giovane di 36 anni, e non si direbbe. Poi per? non pu? decidere solo l’allenatore?. Che oggi potrebbe rilanciarlo al posto del convalescente Pjanic.

 

 
CASO OSVALDO? Pi? delicato l’argomento Osvaldo. L’addio sembra scritto e addirittura la sua fidanzata, Jimena Baron, ha ventilato un ritorno in Argentina. Una cosa ? certa: i dirigenti in questi giorni gli hanno parlato, trovandolo abbattuto, anche perch? i tifosi pure sui social network lo hanno preso di mira. Andreazzoli, per?, si schiera con lui. ?Lo difendo perch? lo merita. ? fortissimo, anche se ci sono momenti in cui uno non riesce ad esprimersi. A Palermo, comunque, potrebbe anche giocare?. Vero. D’altronde il finale sembra essere il manifesto programmatico della sua gestione. ?Il risultato ? sempre pi? importante degli interpreti e di chi deve decidere su di loro?. Zeman e la sua utopia, ormai, sembrano davvero un ricordo.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy