Allarme per Totti. Lascia il ritiro Roma in ansia

di Redazione, @forzaroma

(Gazzetta dello Sport – A.Pugliese) L’appuntamento è per le 9.30 di questa mattina a Villa Stuart, nell’ufficio del professor Mariani. Lì Francesco Totti cercherà di capire cosa c’è, eventualmente, che non va. Già, perché il capitano della Roma ieri a pranzo ha lasciato il ritiro di Irdning per tornare a Roma e farsi visitare dal suo medico di fiducia, Pier Paolo Mariani. Quando calcia o nei cambi di direzione, infatti, Francesco avverte un fastidio alla gamba sinistra, quella operata nel febbraio del 2006, quando riportò la frattura del perone con interessamento dei legamenti della caviglia che gli mise a rischio anche il Mondiale. Mariani si occupò dell’operazione e da allora Francesco ha una placca di acciaio nella gamba. E potrebbe essere proprio quella placca, ora, a procurare un’infiammazione alla gamba di Totti. Il problema era nato già a Brunico e in questo mese non si è mai risolto.

 
ANTICIPO Oggi Totti sarà quindi da Mariani. La visita, a dire il vero, era già stata calendarizzata alla fine del ritiro di Irdning (la Roma tornerà nella Capitale il 12 a sera, allenamento mattutino il 13 e ripresa il 16 pomeriggio), ma il protrarsi del dolore e la concomitanza con le ferie estive del professor Mariani hanno accelerato i tempi. Totti in questo mese di lavoro è sembrato tiratissimo, senza problemi, fisicamente a posto. Ma spesso, a fine seduta, si fermava a fare ghiaccio sulla gamba infortunata. Possibile che sull’acuirsi del problema abbia influito anche il cambio delle superfici di gioco (dall’erba di Brunico a quella dei campi da baseball americani, per tornare a Irdning). Oggi Mariani lo visiterà e gli farà una risonanza magnetica. Potrebbe essere anche solo una semplice tendinite tibiale, che però prevede un periodo di stop e un ciclo di fisioterapia. La Roma, in realtà, aspetta il ritorno del capitano a Irdning per questa sera o al massimo per domani mattina. Ma tutto dipenderà dal consulto odierno, dove non è escluso che Mariani ripeta a Totti quello che gli ha già consigliato altre volte: di togliere quella placca di acciaio dalla gamba, intervento che Francesco ha sempre rimandato a fine carriera. Dovesse comunque davvero servire uno stop, è possibile che Totti resti a Roma per effettuare tutte le terapie del caso.

 
EMERGENZA Oggi un eventuale stop del capitano sarebbe un vero peccato, visto lo stato di forma che aveva palesato Totti anche nell’ultima amichevole con i dilettanti dell’ATV Irdning. Tra l’altro, con la stagione ufficiale al via tra venti giorni, in casa giallorossa si porrebbe (paradossalmente) anche un’emergenza-attacco in vista della prima di campionato, in casa con il Catania.

 

Mattia Destro, infatti, in quell’occasione non ci sarà (si trascina dietro una squalifica di una giornata dalla scorsa stagione) e con Totti eventualmente ai box e Bojan per ora fermo (non si allena da domenica, a causa di un risentimento all’inguine), la batteria di attaccanti sarebbe composta solo da Lamela, Nico Lopez ed Osvaldo (con i primi due che Zeman ha sempre alternato nella posizione di esterno destro). Ecco perché la Roma spera che quello del capitano sia solo un fastidio e niente di più e che possa tornare presto ad Irdning.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy