Roma, il Conte è in sospeso

Roma, il Conte è in sospeso

Pallotta e i dirigenti sono al lavoro per Antonio ma il suo sì ancora deve arrivare. Pronto un mercato ad hoc e una promessa: “Da noi staresti meglio che all’Inter”

di Redazione, @forzaroma

Nessuno nega più la trattativa tra la Roma e Antonio Conte. Nella Capitale e non solo. Tutti sono ormai certi che James Pallotta e il suo management fanno sul serio per avere l’unico top coach attualmente libero. Ecco perché, soprattutto al Nord, si muovono per replicare, anche sminuendolo e quindi intralciandolo, al piano giallorosso che non è solo di facciata, scrive Ugo Trani su Il Messaggero.

Ne hanno preso atto più a Milano che a Torino, città in cui l’ex ct azzurro spesso si ferma quando non è a Londra (lì vive con la moglie Elisabetta e la figlia Vittoria). L’Inter è la più attiva. Beppe Marotta ha informato Steven Zhang e gli ha chiesto ampia libertà d’azione, avendo la certezza di quanto l’allenatore sia tentato dalla proposta del ceo Guido Fienga.

Roma e Inter temono le superpotenze, il Psg e lo United. Cina contro Usa, adesso è questo il duello. Perché la Juve, anche se Fabio Paratici e Pavel Nedved continuano a lavorare ai fianchi il presidente Andrea Agnelli per portarlo al ribaltone, è ancora nella fase di riflessione, poco convinta se cambiare Allegri e con chi.

Conte, pur avendo chiesto 2 settimane di tempo per la risposta definitiva, ha apprezzato la chiarezza del progetto della Roma. Che, costretta comunque a incassare prima dell’estate 50 milioni con le plusvalenze, non si sente dietro all’Inter. E lo ha ribadito all’allenatore, chiarendogli che, nel rispetto del Financial Fair Play, il club giallorosso ha meno limitazioni negli investimenti di quello nerazzurro, nonostante la solidità della proprietà cinese.

Fienga ha seguito le linee guida di Pallotta. Nessuna promessa sugli acquisti, sulle cessioni e sulle conferme. Nè è stata compilata la lista dei collaboratori. Che è, comunque, è pronto: il vice Angelo Alessio, il match analyst Gianluca Conte che studia per il fratello gli avversari, il nutrizionista Tiberio Ancora e il preparatore atletico Paolo Bertelli che è di casa a Trigoria. Dove è già sotto contratto quello dei portieri Marco Savorani che lavorò con Conte al Siena e che escluderebbe Gianluca Spinelli, presente nello staff della Nazionale e del Chelsea. In bilico Costantino Coratti che, sia a Coverciano che a Londra, è stato il vice di Bertelli. Sono i fedelissimi, seguiranno ovunque Conte.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy