Allegri e Pioli. La Roma al bivio

di finconsadmin

Il cerchio si stringe. Il campo no. Sulla panchina giallorossa c?? posto per uno soltanto e oggi come oggi siamo arrivati a una bella volata a due.?Massimiliano Allegri e Stefano Pioli

 

CON ALLEGRI – Come riporta l’edizione odierna del Corriere dello sport, se potessero, lo avrebbero gi? preso. Non possono perch? tutto ? legato a un punto, a due, a una cascata di denaro, alla qualificazione del?Milan?alla Champions League. Massimiliano Allegri, l?uomo venuto da Livorno che nella sua ancora breve vita non si ? fatto mancare niente, i gol in Serie A, un?accusa poi rimangiata di combine, una rapida ascesa fino al soglio del Milan, cadute ardite e risalite. Passato l?innamoramento internazionalista, alla Roma sanno di?non poter sbagliare?per la terza stagione consecutiva.

 

CON PIOLI – L?integralismo ha fatto il suo tempo. Adesso alla Roma vogliono vedere qualche risultato, preso al volo come una liana mentre si cade nelle sabbie mobili, ottenuto all?ultimo istante, poco e maledetto, ma che sia un risultato e che arrivi subito. Andreazzoli ha aperto la strada con il machete. Adesso per quella pista dovrebbe passare qualcuno che individui prima la direzione giusta dall?odore della giungla e poi arrivi a destinazione, non importa se per vie traverse.

 

L?INGREDIENTE -?Tutto ci? a una sola condizione, anzi a due che poi sono una: i giocatori devono ascoltarlo e?devono muoversi,?andare veloci, senza fermarsi mai. Il movimento continuo ? l?unico ingrediente di cui nessun piatto preparato da Pioli ha mai fatto a meno. Quindi occorreranno uomini di quantit? e resistenza oltre che bravi dal punto di vista tecnico (il pi? volte citato?Jeans?inserisce perfettamente in questo contesto, e cos? pure il desiderato Nainggolan) e una preparazione atletica specifica, dalla quale venga messa al bando ogni pigrizia.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy