Baldini c’è ancora. È lui a salvare Difra dall’ira di Pallotta

Quando la settimana scorsa i dirigenti del club giallorosso si sono avvicendati a Boston per raggiungere il presidente Pallotta, hanno trovato regolarmente al suo fianco l’ex ds, poi ex dg, oggi consulente particolare del numero uno giallorosso

di Redazione, @forzaroma

Aveva annunciato le dimissioni, ma alla prima occasione utile era di nuovo, regolarmente al suo posto. O almeno, a fare quello che gli ha chiesto Pallotta. Come riporta “La Repubblica”, la storia tra Franco Baldini e la Roma non vuol proprio saperne di finire, ma stavolta non c’è stato nessun ritorno. Semplicemente, le dimissioni annunciate mentre la città si radunava al Colosseo per la serata evento dedicata alla biografia di Totti, non sono mai diventate effettive. Quando la settimana scorsa i dirigenti del club giallorosso si sono avvicendati a Boston per raggiungere il presidente Pallotta, hanno trovato regolarmente al suo fianco l’ex ds, poi ex dg, oggi consulente particolare (e personale) del lider maximo americano.

Quando il presidente furioso e «nuovamente disgustato» dopo la sconfitta di sabato con la Spal all’Olimpico ribolliva propositi di ridiscutere tutto, da un nuovo ritiro punitivo al destino dell’allenatore, a placarlo non sono stati i dirigenti “romani”. Ma proprio lui, Baldini. Crisi scongiurata, per ora, ma gli indizi sulla scarsa efficacia del tecnico nei momenti di difficoltà iniziano a sembrare ricorrenti: se la squadra si smarrisce, lui le va dietro, senza riuscire a rovesciarla dalla panchina. I risultati dopo 9 giornate sono gli stessi di Zeman, sei anni fa: una storia che non finì bene. Con alcuni giocatori il rapporto non è esattamente brillante e alcune critiche della vigilia non hanno contribuito a distenderli. Cambiare ora, con una serie fittissima di gare (da qui all’11 novembre la squadra giocherà ogni tre giorni e mezzo di media) non ha senso. Ma le prossime prove contro Cska – attenzione: mille tifosi russi in arrivo per domani, e 500 sono considerati pericolosi – e Napoli (e poi Fiorentina), tutte ravvicinatissime, diranno di più. Il tempo a disposizione di Di Francesco per rimuovere l’ultima figuraccia dalla memoria del disgustato Pallotta non è infinito.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy