Il Sergente Garcia

di Redazione, @forzaroma

(Top Foot) Praticamente sconosciuto alla maggior parte dei tifosi, Garcia ha messo delle basi solide per il futuro: ha subito trovato intesa con Totti, il calciatore che fa il bello e il cattivo tempo nello spogliatoio giallorosso, e ha impressionato tutto il ‘mondo’ di Trigoria. Il primo problema da gestire è stato quello linguistico, ma Garcia ha saputo imparare in fretta l’italiano, grazie al quotidiano aiuto del traduttore e a quello di Miralem Pjanic, centrocampista che ben conosce il francese per il suo passato al Lione.

 

TATTICA E FIDUCIACiò che maggiormente chiede il tecnico ai suoi è l’adattabilità tattica. Passa dal 4-3-3 al 4-2-3-1 e conta su di un gruppo che già aveva qualche automatismo dopo le gestioni di Zeman e Luis Enrique. L’avvenire di Garcia alla Roma dipende soprattutto dalla fiducia della dirigenza, attualmente incondizionata. L’insoddisfazione dei tifosi dopo la sconfitta del 26 maggio è stata evidente, ma ora la Roma sta vivendo un vero e proprio stato di grazia: quello che è certo è che questi periodi non durano a lungo…

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy