Rebus Gago: Parlerò con Zeman

di Redazione, @forzaroma

(Il Romanista-V.Vercillo) «Il mio futuro con Zeman? Non so niente, dovremo parlare». Il futuro di Fernando Gago è ancora un’incognita.

E le parole rilasciate dal centrocampista a Sky Sport, al termine della sfida tra Argentina e Ecuador – vinta 4-0 dall’Albiceleste – non possono che confermarlo.

 

L’argentino sembra destinato a lasciare Roma dopo una stagione in cui ha collezionato 30 presenze e un gol, mostrando tutte le sue qualità. Ma la Roma ha scelto Zdenek Zeman come allenatore: un tecnico che pratica un calcio d’attacco e di corsa, non esattamente la qualità migliore di Gago. La Roma sta facendo le sue valutazioni, lasciando scadere il termine per il riscatto (il 30 maggio), fissato a circa 7 milioni di euro. Probabilmente l’agentino ricomincerà la stagione a Valdebebas alle dipendenze di Mourinho, prima di mettersi in cerca di un’altra destinazione, visti i problemi avuti coltecnico portoghese lo scorso anno. A meno che Roma e Real non decidano di ridiscutere i termini del riscatto. E se avvenisse, la decisione ultima sarà presa da Zeman, dopo aver parlato direttamente con il giocatore. In alternativa si pensa a Bradley. (…) Ma prima di dare l’affondo finale i giallorossi dovranno capire se Zeman lo ritorrà adatto a sostituire eventualmente Gago. Piace anche Lassana Diarra, centrocampista del Real Madrid classe ’84, dotato di grande corsa e resistenza, già da tempo segnato sul taccuino di Sabatini. Una ipotesi potrebbe essere uno scambio con Osvaldo, da tempo nel mirino dei Blancos. Ma l’italo-argentino piace molto a Zeman, che l’ha voluto ai tempi di Lecce per sostituire Mirko Vucinic. E la stima è assolutamente reciproca.

Per il rinforzo al reparto arretrato è battaglia aperta. La prima scelta di Sabatini è Rolando, ma sul difensore del Porto sono piombate anche Inter e Juventus. E proprio i bianconeri, secondo quanto riportato dalla stampa portoghese, avrebbero offerto 11 milioni per acquistare il giocatore. Offerta rispedita al mittente dal Porto, che non intende calare la valutazione di 15 milioni. Intanto si avvicina la data scelta per risolvere le comproprietà di vari giocatori, tra cui quella della Roma con il Parma per Fabio Borini. Senza intesa, si andrà alle buste (…) che verranno poi aperte il 23 giugno alle ore 11. Senza accordo e senza presentazione di buste, il calciatore resterà nell’ultima società per cui è stato tesserato. Da domani, quindi, ogni giorno è buono per cercare un’intesa con il club rossoblù. Ma sono tanti i destini a cui la Roma presterà attenzione, come quelli di Destro e Astori, entrambi ormai diventati più di un’idea per il ds Sabatini

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy