Roma, bilancio in negativo per 40,3 milioni. Da Pallotta 12 mln

Pubblicata la Relazione finanziaria semestrale. Nel bilancio miglioramento rispetto alla scorsa stagione per 13,1 milioni. Finanziamento del presidente giallorosso

di Redazione, @forzaroma

Il Risultato economico consolidato al 31 dicembre 2017 è negativo per 40,3 milioni di euro, rispetto alla perdita di 53,4 milioni di euro del corrispondente periodo dell’esercizio precedente.

Il miglioramento registrato, pari a 13,1 milioni di euro, è dovuto principalmente ai seguenti fattori:

– la partecipazione alla Uefa Champions League (UCL) rispetto alla meno redditizia Uefa Europa League (UEL);

– la riduzione del costo del personale, su cui nel 2016 pesavano maggiori incentivi all’esodo riconosciuti a tesserati al momento della cessione a titolo temporaneo e/o della risoluzione consensuale anticipata del contratto. Si evidenzia tuttavia che, al netto delle differenze dovute alle contabilizzazioni infrannuali di alcune poste, per l’esercizio 2017/18 il costo del personale è previsto in crescita;

– un impatto negativo generato dal Risultato della gestione calciatori, dovuto:
(a) alla minore incidenza delle plusvalenze conseguite attraverso la cessione di diritti pluriennali alle prestazioni sportive dei calciatori, definite nella sessione estiva della campagna trasferimenti dell’esercizio 2017/2018;
(b) alla contabilizzazione anticipata, in ottemperanza ai principi contabili internazionali (IAS), dell’adeguamento ai minor valori di realizzo dei valori di iscrizione dei diritti pluriennali alle prestazioni sportive dei calciatori Doumbia, Iturbe e Zukanovic, a seguito del verificarsi delle condizioni per l’obbligo di trasformazione delle cessioni temporanee in definitive dopo la conclusione del Semestre e prima della data della presente Relazione;

– una crescita dei costi per Ammortamenti, principalmente riferiti a diritti pluriennali alle prestazioni
sportive dei calciatori, che risentono delle capitalizzazioni degli investimenti operati dalla Società, parzialmente bilanciato da una riduzione degli accantonamenti a fondo svalutazione crediti;

– un impatto negativo generato dalla gestione finanziaria, per maggiori oneri per interessi passivi
derivanti dalle operazioni di finanziamento necessarie per far fronte ai fabbisogni aziendali.

 

Sotto il profilo finanziario, si prevede che la gestione aziendale, anche con il supporto dell’azionista di riferimento, per il tramite della controllante Neep Roma Holding S.p.A., consentirà di reperire adeguate risorse finanziarie per continuare la normale operatività. A tale proposito, si segnala che, dall’inizio dell’esercizio 2017/18 e fino alla data odierna, la Società ha potuto beneficiare di versamenti in conto finanziamento soci per complessivi 12 milioni di euro, di cui di cui 8,4 milioni di euro effettuati tramite Neep Roma Holding SpA, e 3,6 milioni di euro effettuati direttamente da ASR SPV LLC. In particolare, gli Amministratori monitoreranno l’evoluzione della gestione rispetto alle previsioni e valuteranno gli eventuali provvedimenti correttivi, se necessari.

Inoltre, qualora la Società non fosse in grado di reperire nei modi previsti le necessarie risorse finanziarie al fine di far fronte al proprio fabbisogno, potrà fare affidamento sul realizzo dei suoi asset aziendali, ed in particolare sui valori dei diritti pluriennali alle prestazioni sportive dei calciatori, il cui valore di mercato complessivo, ampiamente superiore al valore contabile, rappresenta una solida base di sicurezza per la continuità aziendale. Al riguardo si evidenzia che l’azionista di riferimento, per il tramite della controllante Neep Roma Holding S.p.A., ad oggi non è mai venuto meno agli impegni assunti.

Alla luce di quanto sopra evidenziato, dopo aver effettuato le necessarie verifiche, gli Amministratori ritengono di considerare la Società ed il Gruppo in una situazione di continuità aziendale, e su tale presupposto hanno redatto la presente Relazione.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy