Stadio, Soprintendenza: “Durata del procedimento è 120 giorni. Proponenti hanno 80 giorni”

Margherita Eichberg, soprintendente archeologia, belle arti e paesaggio per il Comune di Roma ha chiarito la posizione in merito al progetto per l’impianto di Tor di Valle

di Redazione, @forzaroma

Dopo il parere negativo della Soprintendenza inviato ai proponenti dello Stadio della Roma e alla Conferenza dei servizi, l’architetto Margherita Eichberg, soprintendente archeologia, belle arti e paesaggio per il Comune di Roma, che ha avviato la procedura di vincolo sull’ippodromo, ha precisato e chiarito: “La nostra è un’iniziativa a tutela di un bene culturale, l’ippodromo di Tor di Valle è una struttura importante per la storia dell’architettura, al momento è l’edificio in cemento armato con il maggiore sbalzo al mondo per tipologia strutturale. Il vincolo sulle tribune è l’unico atto veramente vincolante che possiamo emanare, e nel caso del vincolo diretto come bene culturale diventiamo determinanti”.

All’Agi, la Soprintendente ha poi aggiunto: “Quello che va detto è che questo nostro atto è l’avvio di un procedimento, che si conclude tra 120 giorni, i proponenti hanno 80 giorni per risponderci e potrebbero anche chiedere che il vincolo non venga apposto. Noi abbiamo avviato la procedura dopo aver consultato i comitati tecnico scientifici del Mibact. Poi formalmente il vincolo lo appone il segretario regionale del Mibact, sentita la commissione regionale per la tutela, dopo che avremo concluso la nostra istruttoria che deve concludersi entro 120 giorni. La delibera è stata approvata nonostante una serie di pareri che le due soprintendenze avevano dato, che avanzavano una serie di forti criticità in particolare sui grattacieli che sorgerebbero a fianco dell’impianto sportivo, che avrebbero dovuto determinare una modifica del progetto. Ora l’istruttoria si è fatta più approfondita per il livello definitivo del progetto depositato. Il proponente non ha approfondito adeguatamente la valutazione sull’ippodromo sostenendo frettolosamente che è un edificio degradato e che ha problemi di adeguamento alla normativa antisismica. Le tribune risultano tutelate anche dalla normativa comunale di piano regolatore (c.d. Carta della Qualità), dalla quale la previsione del progetto Stadio comporterebbe la deroga. I tecnici delle commissioni ritengono – conclude – che sarebbe interessante confrontarsi al livello di normativa antisismica su come adeguare una struttura in cemento armato”.

Anche all’Agenzia Ansa, Margherita Eichberg ha chiarito ulteriori aspetti:Non ci siamo svegliati ora. E’ dal 2014 che diamo pareri di forte criticità a cui non è seguita alcuna revisione progettuale. Non siamo i burocrati che si mettono di traverso. Sull’Ippodromo già esiste una norma di tutela comunale. E’ infatti inserito nella Carta della Qualità. Siamo quindi quelli che aiutano al rispetto delle regole cui altri vogliono derogare. L’avvio del procedimento di vincolo corre parallelo all’iter attuale nella conferenza dei servizi, dove il Governo ha un rappresentante unico che dovrà mediare il nostro parere negativo con gli altri. Come andrà a finire? Sinceramente non so come possano conciliare questi rilievi con un via libera, visto che rilievi sono stati mossi anche dagli altri soggetti al tavolo, e che il nostro vincolo si inserisce al centro dell’area del progetto, sul sedime dell’attuale pista dell’Ippodromo”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy