Sabatini: “L'asta su Alvarez non l'accetto. Non è giusto spendere 15 milioni per lui”

di Redazione, @forzaroma

Walter Sabatini ai microfoni di Teleradiostereo nella trasmissione La Signora in giallorosso ha detto: “Stekelenburg piace a me ma non solo. Penso anche a voi.

Oggi giornata particolare…dove si trova?
Sto andando a Trigoria

Hai elogiato Lamela in conferenza quindi non verrà
Sarà probabilmente cosi, molti sono elogiabili perchè sono ottimi giocatori, elogiarli tanti spero che qualcuno arriverà. C’è una fibrillazione incredibile ora, siamo un po’ in disparte anche se continuiamo a occuparsene. Il mercato è statico generalmente, è in totale mobilità nei prossimi giorni succederà qualcosa e a catena si muoveranno tutte le altre. Nel calcio c’è il dubbio, l’ansia, la paura la prima società che prende una scelta di mercato, quando c’è un dare e avere e girano i soldi, il primo che si muove è quello che ha più paura di fare una scelta che non sarà premiante per il futuro.

Come ha scelto Luis Enrique?
Quello che abbiamo fatto io e Franco all’unisono, è stata presa sul nome e sull’idea. È stata una sorta di omaggio a un certo tipo di calcio che contiene anche un barlume di umiltà. Abbiamo cercato di capire se è possibile importare un certo tipo di calcio anche qui. Luis aveva da calciatore una caratteristica che primeggiava,  il temperamento e  quell’ansia di “ganar” se la porterà dietro anche da allenatore.

Hai parlato in conferenza di discontinuità a che punto sta la situazione?
Va costruita giorno dopo giorno insieme al gruppo di lavoro. Lo Staff proporrà un tipo di calcio e comportamenti, ci sarà un motivatore, abbiamo fatto una scelta complessa che non riguarda solo lo schierare in campo una squadra. Lo vogliamo fare ma va costruita giorno dopo giorno.

Con Vucinic?
Mi sono incontrato con Mirko notte tempo, ci siamo confrontati con serenità, ho cercato di portarlo su un circuito di ragionamento alternativo. È molto amareggiato ma Mirko è un campione, ha delle soluzione tecniche che in Europa se le possono permettere solo 5-6 giocatori. La caratteristica di Vucinic quando gli fai una trasmissione di palla quando arriva la palla a lui può succedere di tutto. È un calciatore con caratteristiche tecniche quasi confinate al soprannaturale. L’affetto dei tifosi è una necessità fisiologica che ha questo calciatore ma anche tutti gli altri, per un calciatore come Vucinic lo è molto di più. La situazione di disistima lo ha fiaccato ma è un rapporto che si può recuperare ma anche Mirko deve metterci qualcosa. Non dipende solo da un gol sbagliato ma forse anche da altri comportamenti che non sono piaciuti. Mirko come Pastore devono assecondare l’umore della gente.

Silenzio stampa non sarà mai fatto
Non è nelle nostre intenzioni. In questa società devono arrivare ancora soggetti di importanza, prima di tutto un presidente che non si nasconderà alla stampa, è un ottimo comunicatore. Questi dirigenti tutti hanno lavorato molto bene per la Roma in situazione di emergenza. Entrando a Trigoria ho trovato gente propositiva, ho trovato dirigenti addetti ai lavori molto evoluti nel loro lavoro e è una cosa giusta e normale. La Roma non è una cosa da rivoluzionare ma è una cosa da correggere.

È già arrabbiato?
Io lo sono sempre, fino a un certo punto sennò vado in crisi di ossigeno.

Pubblicizzi Vucinic per tenerselo stretto e ricavare di più?
Tutti e due. Se Mirko in vacanza troverà la serenità sarà un calciatore della Roma ci farà vincere molte partite se non dovesse succedere è un giocatore sul mercato. Luis ora pensa all’inizio al 4-3-3 mi ha consegnato dispense con sviluppo moduli molto variegati

La storia di Viviano
Ci viene attribuito è una cosa plausibile è del tutto evidente che tutti ci vengono attribuiti perché ci serve un portiere. L’incidente è comprensibile con una norma dell’ultimo momento l’abbiamo fatto anche noi, può succedere.

Va ad Amsterdam la settimana prossima? Le piace Stekelenburg?
Il mio programma lo fa Tempestilli che mi rincorre da tutte le parti perché io gli buco puntualmente gli appuntamenti. Piace anche a voi Stekelenburg. Curci ha vissuto una stagione brutta è un figlio della Roma e del settore giovanile ma l’abbiamo recuperato perché può essere utile per le liste Uefa. Se si fermerà a Roma farà sicuramente il suo dovere.

Cosa dice a Doni che ha rifiutato il Liverpool?
Lo dico a Doni ma a tutti calciatori, situazioni vanno affrontate con piglio diverso, Doni ha vissuto stagioni difficili, io al posto suo farei di tutto per mettermi in discussione e mettere in difficoltà chi mi chiede di andare. Ai calciatori in difficoltà dico di accettare la sfida, l’orgoglio è una qualità fondamentale nei calciatori. Come esempio si può citare Van der Saar.

Su Ricky Alvarez
Io ho un preaccordo fino ad una certa data l’ho fatto per tenere in mano il calciatore. I giocatori devono essere pagati al prezzo che meritano, e 15 milioni per Ricky Alvarez non è giusto, perché lui ha avuto problemi in carriera con infortuni ed ha giocato poco. Forse ho perso un po’ di tempo io, ho ottimi motivi per credere he quel periodo il giocatore non poteva uscire. Pochi calciatori hanno la clausola in Argentina e nessuno la vuole usare

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy