Roma, Zeman paga per tutti

di Redazione, @forzaroma

(di Mirko Porcari) – Il punto pi? basso degli ultimi anni, probabilmente tra i peggiori momenti della storia giallorossa, un addio pieno di rimpianti che sa di confusione e racconta di un futuro pi? che mai nebuloso.

 

Zeman esonerato. Troppo poco per spiegare due anni passati tra altalene, isterismi e grandi illusioni. Troppo comodo per ovattare le responsabilit? di un gruppo spesso regolato da umori mutevoli e simpatie sottotraccia.?Troppo facile per cancellare gli errori e gli orrori di una gestione virtuale, incentrata sulla favola di uno stadio futuristico e sulla dialettica galoppante.

Il ?day after? porta con s? le ferite profonde che il Cagliari ha solamente provveduto a riaprire: quattro gol, certo, ed una prestazione da squadra (?) dilettantistica, elementi lampanti che compongono la punta di un iceberg formatosi nel corso dei mesi in modo pi? o meno silenzioso.

La cronaca odierna narra di una Roma alle corde: societ?, giocatori e allenatore, un tutti contro tutti che penalizza per l’ennesima volta i tifosi; l’incontro ravvicinato tra Baldini, Sabatini, Baldissoni e la frustrazione degli innamorati giallorossi ha ufficializzato una rottura che rischia di diventare insanabile.

Davanti allo studio Tonucci servono a poco le giustificazioni dell’establishment: finito il tempo delle parole, ? ora di fare i conti con la delusione ed un senso di impotenza che ha invaso anche i pi? fervidi sostenitori del progetto americano.

?Zeman via per dare una scossa?. Tutto gi? scritto, tutto troppo prevedibile: la scelta che ricade sul comandante per non dilaniare i sottilissimi equilibri dello spogliatoio, compatto solo a parole ma deciso a fare fuori una figura scomoda.

Ammutoliti anche gli ?anti-zemaniani?, inutile gioire di fronte all’evidenza di un fatto: svanito l’effetto placebo per l’allontanamento del boemo, ci sar? parecchio da scavare per arrivare alla radice di un problema che assume connotati atavici.

Adesso c’? Andreazzoli, onestissimo nostromo catapultato (suo malgrado) in una situazione al limite del paradossale: se sar? una designazione ad interim, probabilmente vedremo calciatori ?ritrovati? in attesa di capire quale sar? il prossimo obiettivo.

Se la promozione sar? a lungo termine, cominceranno le fasi di studio per comprendere in che modo lo scettro potr? tornare il prima possibile in mano ai giocatori.

Un bivio, insomma, in cui sar? determinante la presenza forte della societ?: ?questa situazione non finir? cos??, tra un ?laziale? ed un altro, Sabatini ha promesso il massimo impegno per scovare il marcio dalle parti di Trigoria. E intanto un altro campionato se ne va.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy