Roma, il futuro si chiama De Rossi. E Marquinhos arriva

di Redazione, @forzaroma

(di Mirko Porcari) – In attesa di salutare i tifosi nella serata di presentazione prevista per domani, la Roma continua a preparare l’esordio in campionato: a tenere banco è sempre il mercato, diviso tra le notizie provenienti dal Brasile su Marquinhos e le voci incessanti sulle possibilità di cessione di Daniele De Rossi, oggetto del desiderio per il Manchester City.

 

DE ROSSI – Il tormentone ha ricevuto nuova linfa dai giornali italiani: quasi sponsorizzando un addio del centrocampista giallorosso, si fa a gara per cercare la pista giusta e sciorinare cifre e presunti accordi. La visita a Manchester del suo procuratore ha scatenato le ipotesi su incontri e meeting con la dirigenza del Manchester City per discutere dell’ingaggio (oltre 9 milioni di Euro stando alle fonti di casa nostra): la Roma, dopo le prese di posizione di Walter Sabatini (“’ incedibile e non cerchiamo compratori”) continua ufficiosamente a sgombrare il campo da voci su una cessione imminente ma tutto fa pensare che le acque non si calmeranno prima della fine del mercato.

I media nostrani parlano di 35-40 milioni (c’è chi parla di un totale che si avvicina ai 55 milioni di Euro) senza però avere basi concrete: da Manchester non trapela alcuna notizia e, nonostante la grandissima stima che Roberto Mancini ha nei confronti di De Rossi, la sensazione è che la dirigenza dei Citizens sia impegnata a sondare terreni più praticabili.

 

MARQUINHOS – Ieri sera era data per sicura una sua partenza alla volta della Capitale, nella mattinata di oggi ma il viaggio è stato rinviato di poche ore. Il giocatore, insieme al papà e al procuratore, partirà domani mattina (pomeriggio in Italia) per Roma che non permetterà al brasiliano di presenziare al “gran galà” di domani sera contro l’Aris Salonicco. La Roma e il Corinthians hanno trovato un accordo sulla base del prestito con diritto di riscatto: gli ultimi dettagli da limare riguardano la cifra che la squadra giallorossa dovrà sborsare il prossimo anno (3,5/4 milioni è la proposta di Sabatini, il Timao non vuole scendere sotto i 4,5)  e le percentuali di guadagno dei brasiliani su una futura vendita del calciatore.

 

FUTURO – Domani ci sarà l’abbraccio dell’Olimpico: contro l’Aris (dalla lista dei convocati è rimasto fuori il greco Tachtsidis, alle prese con alcuni problemi muscolari) la risposta del pubblico sarà l’ennesima conferma a quanto bene si stia ricostruendo il rapporto tra squadra e tifosi dopo l’annata deludente sotto la guida di Luis Enrique (a proposito, l’asturiano si è rivisto dalle parti della cantera blaugrana senza però portare fortuna ai suoi ex allievi). Da valutare la disponibilità di Totti, con tutta probabilità Zeman preferirà preservare il Capitano in vista della gara contro il Catania, permettendogli così un pieno recupero dai piccoli problemi al ginocchio con cui convive in questi ultimi giorni di preparazione.  Novità delle ultime ore sono legate al reintegro in rosa di Marco Borriello: sembra che alla base ci sia una richiesta espressa da parte di Zeman, ci sarà da capire in che modo questa scelta influenzerà il mercato in uscita dei giallorossi.

Intanto Fenucci ha tracciato le linee per la Roma che verrà: “competitiva nel breve e nel lungo termine anche con l’aiuto dello stadio di proprietà”, mentre il management americano (che oggi festeggia il primo anno alla conduzione della società) continua a sognare una squadra sul modello delle grandi potenze dell’Nba.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy