Roma-Feyenoord, tifosi olandesi assaltano gli autobus a Villa Borghese. Ambasciata olandese: “Vergogna” – LIVE

Gli olandesi hanno cominciato a devastare ogni cosa: auto, motorini, cestini della spazzatura. Diversi tifosi sono stati fermati. Danni alla Barcaccia di Piazza di Spagna

di finconsadmin

Ore 20.43 – Il sottosegretario Graziano Delrio su twitter contro i danni dei tifosi olandesi a Roma: “Che vergogna trasformare una festa di sport in paura, violenza e danni alla città più bella del mondo”. 

Ore 20.35 – Stanotte 2 charter a Fiumicino per rientro dei tifosi del Feyenoord. Le operazioni di check-in avverranno tutte al Terminal 2, che questa notte sarà dedicato esclusivamente ai due voli charter della Transavia diretti ad Amsterdam. Il primo volo (HV7742) è programmato in partenza all’1.05; dieci minuti più tardi, il secondo (HV7914).Altri 300 tifosi del Feyenoord lasceranno la Capitale domani mattina seguendo le “vie normali”, cioè con due voli di linea, operati sempre dalla Transavia, diretti a Rotterdam dallo scalo romano Fiumicino. (ANSA)

Ore 19.27 – Nota l’Atac: “Nell’ambito dei tafferugli che si sono generati per la partita Roma-Feyenoord, i comportamenti violenti di alcuni tifosi hanno provocato danneggiamenti a 15 delle 26 vetture di superficie che Atac ha messo a disposizione, seguendo le indicazioni della Questura, per il trasporto dei tifosi del Feyenoord dal punto di raccolta di Villa Borghese, Piazza delle Canestre, fino allo stadio. Il bilancio è ancora provvisorio”. E continua: “Tutte le vetture danneggiate sono state riportate in deposito e risultano inutilizzabili per il servizio di trasporto pubblico”. Lo rende noto l’Atac in merito al danneggiamento da parte dei tifosi del Feyenoord di 15 delle 26 vetture che l’azienda ha messo a disposizione per il trasporto dal punto di raccolta di Villa Borghese, Piazza delle Canestre, fino allo stadio. “Atac – continua la nota- è comunque subito intervenuta in forze con i propri tecnici per il presidio del servizio, la sua riprogrammazione e l’assistenza alla clientela. Atac stigmatizza tali comportamenti vandalici, che danneggiano il patrimonio pubblico e generano nocumento al servizio di trasporto, creando quindi anche disagi ai cittadini. L’azienda, di conseguenza, si rivarrà in tutte le sedi per ottenere il dovuto risarcimento dei danni”.

Ore 19.12 – Il sindaco di Roma Ignazio Marino a Sky Tg24: “La gestione della sicurezza ha falle grandi e intollerabili, ieri ci sono stati altri episodi di violenza, stamani prefettura e questura hanno assicurato che era tutto sotto controllo, abbiamo visto cosa è successo”.

Ore 19.10 – Nota dell’ambasciata olandese: “Il calcio deve essere una festa dove non c’è posto per la violenza. Le autorità italiane possono contare sulla completa collaborazione e l’impegno dell’Olanda per far sì che i colpevoli vengano puniti”.

Ore 19.05 – “Quanto avvenuto a Roma con il passaggio dei tifosi del Feyenoord e i danni alla Barcaccia darà vita ad una azione legale per far ottenere alla città e ai romani il risarcimento per i pesanti danni subiti”. Lo afferma il Codacons, commentando gli atti vandalici e i danneggiamenti perpetrati dai tifosi olandesi, e annunciando che sta studiando “un’azione legale contro lo Stato olandese”. “Stiamo studiando la fattibilità di una class action contro lo Stato olandese e i tifosi responsabili della distruzione di una parte della fontana, restaurata solo pochi mesi fa – spiega il Presidente Carlo Rienzi – L’azione mira ad ottenere il risarcimento per il grave danno arrecato non solo ad un’opera patrimonio culturale e artistico mondiale, ma anche all’intera città. In tal senso tutti i cittadini romani potranno partecipare alla class action in qualità di soggetti lesi dai comportamenti vandalici dei seguaci del Feyenoord. Invitiamo il sindaco Marino alla massima severità nei confronti dei responsabili di tale scempio, e ad attivarsi nei confronti dell’Olanda per far valere i diritti della capitale e dei suoi abitanti”, conclude Rienzi. (ANSA)

Ore 18.56 – “Una squadra composta da operatori del pronto intervento Lavori Pubblici e da personale della Protezione Civile di Roma Capitale si sta recando in Piazza di Spagna per svuotare la fontana della Barcaccia, ripulirla dai rifiuti e verificare, insieme ai tecnici della Sovrintendenza capitolina, l’entità dei danni al monumento causati dai tifosi del Feyenoord”. Lo comunica, in una nota, l’assessorato ai Lavori Pubblici di Roma Capitale.

Ore 18.25 – “Quando succedono cose di questo tipo non ci sono giustificazioni che tengano: le partite di calcio si interrompono, non si disputano e le tifoserie responsabili di violenze e devastazioni vanno punite duramente così come le società sportive che sono responsabili dei comportamenti dei propri supporter, soprattutto quando si tratta di trasferte organizzate”. E’ quanto afferma il segretario del Sap Gianni Tonelli dopo gli incidenti tra tifosi del Feyenoord e polizia nel centro di Roma. “I miei colleghi restano feriti e rischiano la vita – dice Tonelli – per colpa di qualche centinaio di delinquenti travestiti da tifosi. E’ appena il caso di ricordare che poco più di un anno fa in Polonia 200 tifosi della Lazio sono stati arrestati e trattenuti nelle patrie galere di quel paese per molto, molto meno. Da noi ognuno si sente in diritto di fare come gli pare, abbiamo normative che sono totalmente inapplicabili perché non garantiscono alcun tipo di efficacia all’azione della forza pubblica quando succedono episodi di questo tipo”. “Le dirette tv dimostrano che questi ‘personaggi’ sono ancora liberi per Roma, non possiamo fare nulla. Se questi fatti fossero accaduti in Inghilterra o in Polonia – conclude – le cose sarebbero andate ben diversamente”. (ANSA)

Ore 18.22 – Per fortuna i danni alla Barcaccia sono lievi, “qualche bottiglia è arrivata sul margine, si è staccata solo qualche scheggia”, ma resta la “vergogna“. Il portavoce dell’ambasciata olandese Aart Heering commenta così quanto accaduto a piazza di Spagna, con i tifosi del Feyenoord che hanno danneggiato la Barcaccia. “Io sto con la polizia”, ripete.

Ore 18.05 – “Oggi ho perso una giornata di lavoro, ora chi mi ripaga?”. A chiederselo è il titolare di Babington’s, in piazza di Spagna, Rory Bruce, che oggi è stato costretto a chiudere la sala da tè a causa degli scontri provocati dai tifosi del Feyenoord che hanno invaso la piazza danneggiando anche la Barcaccia. “Temo che l’ordinanza antialcol non sia stata rispettata – ha aggiunto -. Tra i tifosi scorrevano litri di birra, liquori e rum acquistati in qualche bar o chioschetto di venditori ambulanti che sono in piazza”

Ore 18.02 – “Sarebbe auspicabile”. Così il sovrintendente ai beni culturali di Roma Capitale, Claudio Parisi Presicce, risponde ad una domanda di un cronista che gli chiede se sia possibile far pagare i danni alla fontana della Barcaccia al club olandese del Feyenoord i cui tifosi oggi pomeriggio hanno dato vita ad atti vandalici a piazza di Spagna.

Il sovrintendente continua: “È probabile che una parte del bordo del tripode centrale abbia subito qualche scheggiatura. Qualche danno c’è sicuramente ma dobbiamo attendere le verifiche definitive”. Così il sovrintendente comunale ai beni culturali di Roma Capitale, Claudio Parisi Presicce, giunto a piazza di Spagna per verificare i danni riportati dalla fontana della Barcaccia dopo il passaggio dei tifosi del Feyenoord. “Stiamo aspettando lo svuotamento dall’acqua – ha spiegato per poter fare una perlustrazione accurata prima di accertare l’effettiva entità dei danni”. (ANSA)

Ore 17.48 – L’Uefa vigilerà la situazione dentro e fuori lo Stadio Olimpico stasera nel match tra Roma e Feyenoord e “ovviamente, in caso di incidenti durante la gara o nei pressi dello stadio, un’inchiesta verrebbe aperta”. Questa la puntualizzazione del servizio stampa del massimo organo calcistico europeo dopo gli incidenti scoppiati nel centro di Roma tra i tifosi biancorossi e le forse dell’ordine.

Ore 17.47 – Dopo le 8 di questa mattina, altre 11 condanne sono state disposte per direttissima a carico di tifosi del Feyenoord protagonisti ieri sera di violenti scontri in piazza Campo de’ Fiori. Per sei imputati i giudici della Decima sezione penale del Tribunale capitolino hanno inflitto una condanna ad otto mesi mentre per altri tre, che avrebbero resistito con violenza agli arresti colpendo gli agenti in servizio, sono stati condannati ad un anno e quattro mesi di carcere. Altri due tifosi olandesi hanno patteggiato una pena che è stata convertita in una multa pecuniaria di 40 mila euro. I giudici hanno disposto per tutti il Daspo e il divieto di dimora a Roma.

Ore 17.45 – Sono una decina le persone medicate dal 118 in seguito agli scontri avvenuti a piazza di Spagna tra supporter del Feyenoord e forze dell’ordine. Secondo quanto si è appreso da fonti di polizia, si contano finora dieci agenti e tre tifosi.

Ore 17.41– Il sindaco Marino ha commentato la giornata: “Ho cercato di contattare il ministro degli Interni, e ho espresso all’ambasciata olandese il mio più duro disappunto per quanto accaduto, soprattutto per il modo in cui è stato gestito l’arrivo in città di migliaia di tifosi tra cui, evidentemente, molti violenti. Una gestione che ha provocato un tale allarme e gravi danni, da far prefigurare precise responsabilità”.

Il sindaco inoltre condanna “quanto sta accadendo in queste ore a Roma” definendolo “vergognoso e intollerabile: la nostra Capitale, così preziosa e delicata, e i suoi cittadini non possono diventare ostaggio di teppisti che sono venuti a Roma con il pretesto di seguire la propria squadra del cuore e che, invece, si stanno macchiando di violenze e disordini. Scene come quelle che si sono registrate ieri sera a piazza Campo dei Fiori, e oggi pomeriggio a piazza di Spagna, sono semplicemente ingiustificabili, e intendo fare tutto ciò che è in mio potere per far sì che i responsabili ne rispondano appieno”.

Ore 17.26 – “Roma pretende un risarcimento. Chiediamo che gli autori di questo ignobile scempio vengano individuati, arrestati, immediatamente processati e prima del rimpatrio siano costretti a risarcire in toto i danni provocati ai beni e al patrimonio pubblico”. Così i capigruppo della maggioranza in Campidoglio Fabrizio Panecaldo, Luca Giansanti Gianluca Peciola e Massimo Caprari. “La Barcaccia di piazza di Spagna, uno dei simboli di Roma, patrimonio dell’umanità, non può essere lasciata in balia e deturpata da un orda di centinaia di teppisti ubriachi travestiti da tifosi di calcio. Stanno facendo il giro del mondo le foto dell’immondo stato in cui è stata ridotta la fontana che era recentemente tornata al suo antico splendore e restituita alla città il 22 settembre 2014 dopo un restauro durato un anno e un costo di 200 mila euro”. (ANSA)

Ore 17.22 – In particolare il bordo del catino superiore della Barcaccia risulta visibilmente rotto in più punti come se qualcuno avesse scagliato sopra il marmo un oggetto pesante. La fontana è piena di ogni tipo di spazzatura comprese borse di plastica e cibo. Ora quattro camionette della polizia monitorano la situazione. “I vigili urbani non c’erano, la polizia era sulla scalinata e i tifosi si sono impadroniti della piazza”, dice più di un commerciante. A piazza di Spagna sono appena arrivati i tecnici della sovrintendenza comunale che stanno verificando il danno riportato dalla Barcaccia e cercando di quantificare l’entità dell’atto vandalico compiuto dai tifosi del Feyernoord. Attorno al monumento si è formato un assembramento di persone che continuano a fotografare bottiglie e pezzi di vetro immersi nella storica fontana ai piedi della Scalinata di Trinità dei Monti. (ANSA)

Ore 17.10 –  A Villa borghese, punto previsto dalla polizia per accompagnare i tifosi allo stadio, c’è stato un assalto ai bus con cariche della polizia. Lancio fitto bottiglie di vetro contro carabinieri. Centinaia di olandesi con bottiglie di vetro in mano e totalmente ubriachi. (RaiNews)

Ore 17.08 – Tensione al Pincio, nel centro di Roma, dove centinaia di tifosi del Feyenoord sono in attesa di salire sugli autobus che li porteranno allo stadio Olimpico. Decine di agenti di polizia li controllano e ci sono stati contatti con i più scalmanati degli hooligans. I primi mezzi pubblici hanno caricato una parte dei tifosi olandesi.(ANSA)

Ore 17.07 – Tifosi con il volto insanguinato, oppure stesi a terra, bloccati dai poliziotti. Così i siti olandesi descrivono quanto sta accadendo a Roma, messa a ferro e fuoco dai supporter del Feyenoord. La maggior parte, dal de Volkskrant al de Telegraaf, si concentra sulla multa di 45mila euro data a un gruppo di tifosi. Mentre l’Ad.nl accusa la polizia di essere intervenuta in modo “molto pesante”. Solo il Duchnews apre con l’immagine di una piazza di Spagna ridotta ad un campo di battaglia. Ma il titolo è sempre sulla multa. (ANSA)

Ore 17.06 – Danni alla Barcaccia dopo il ‘passaggio’ dei tifosi del Feyenoord a piazza di Spagna. Un frammento della Barcaccia, indica un vigile urbano, è stato divelto dai tifosi del Feyenoord ed è visibile in fondo all’acqua tra bottiglie di vetro e cartoni di birra. (ANSA)

Nuova tensione nel centro di Roma tra la polizia e i tifosi del Feyenoord. I momenti di tensione dopo quelli di ieri sera, come riportano le agenzie Ansa,  si sono verificati a Piazza di Spagna. I tifosi hanno lanciato oggetti e fumogeni contro gli agenti che poi li hanno dispersi caricandoli. Gli scontri si sono verificati in una piazza di Spagna letteralmente assediata dalla polizia. Gruppi di tifosi dopo avere assediato la piazza hanno cominciato a devastare ogni cosa: auto, motorini, cestini della spazzatura. Poi il lancio di oggetti e fumogeni contro i contingenti schierati. Il tutto tra passanti e turisti terrorizzati. Sembra un campo di battaglia: bottiglie rotte, fumogeni, buste, bicchieri di plastica. Alcuni motorini sono stati danneggiati e scaraventati in terra. Alcuni agenti sono rimasti feriti. Diversi tifosi sono stati fermati.

Molti negozi sono stati costretti a chiudere nei momenti di tensione e le cariche tra i tifosi del Feyenoord e le forze dell’ordine in piazza di Spagna. “Abbiamo paura – ha detto un negoziante all’Ansa – è stata una guerriglia, qui manca la sicurezza. Dopo avere usato la fontana come una pattumiera tanti tifosi hanno pensato bene di usare l’ingresso della metro di Piazza di Spagna come un orinatoio“.

Dopo le cariche della polizia in piazza di Spagna, a Roma, centinaia di tifosi del Feyenoord sono riuniti in piazzale delle Canestre, vicino alla Terrazza del Pincio, sopra alla piazza del centro. I sostenitori della squadra olandese sono controllati da decine di poliziotti in tenuta antisommossa in attesa di essere scortati allo stadio Olimpico per la sfida di Europa League con la Roma, alle ore 19. Sul posto sono arrivati alcuni bus dell’Atac dedicati al trasporto dei tifosi. A Villa borghese invece, punto previsto dalla polizia per accompagnare i tifosi allo stadio, c’è stato un assalto ai bus con cariche e lancio bottiglie di vetro.

(Foto Twitter @favalem)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy