Prandelli: “Osvaldo è importante, ha bisogno di un ambiente sereno. Roma? Può essere sorpresa”

di finconsadmin

E’ una partita di calcio dal sapore particolare. E anche il ct azzurro, Cesare Prandelli, lo riconosce: quella con l’Argentina è “un’amichevole con un significato particolare”. Perché se “da un punto di vista tecnico – spiega il ct azzurro – vorremmo dare continuità al lavoro fatto in Confederations ed avere equilibrio in molti minuti di partita”. c’è un ulteriore valore, che sarà rafforzato dall’udienza in Vaticano in programma domani: “Lo spirito deve essere di festa – ha aggiunto Prandelli – per dare il benvenuto al Santo Padre, cercando di offrire qualcosa di particolare dal punto di vista tecnico a chi verrà allo stadio. Il Papa a vedere la partita? Certo che ci spero. Non so se per l’emozione riuscirò domani a chiedergli di venire, ma io ci spero”.

 

Il ct occasione di redarguire Mario Balotelli. “L’appuntamento di domani più emozionante della partita più bella? Per me no. Però la religione è importante, la religione può essere una forza per un calciatore e per una persona importante”, aveva detto l’attaccante. “Giochiamo partite tutti i giorni, tutte le settimane, mentre dal Papa si va una volta, provando nuove emozioni. Non sono d’accordo con lui”, replica il ct. “Per quanto riguarda il regalo – prosegue Prandelli riferendosi al 23esimo compleanno di SuperMario – se lo può far da solo, trovando quella convizione per essere davvero determinante. I ragazzi gli hanno fatto festa, stasera faremo un brindisi”.

 

Il ct ha poi affrontato anche altri temi. “Se sono feste sono feste, lo stesso Papa ha risposto in maniera straordinaria sui gay, dicendo che solo Dio può giudicare”, ha risposto ad una domanda su un eventuale invito ad un Gay Pride, al quale ha aderito ultimamente ad Amsterdam la Nazionale olandese. “Da solo non andrei, ma con la Nazionale e tutti i giornalisti al seguito sì…”.

 

Dal punto di vista tecnico c’è anche il ritorno in azzurro di Osvaldo, escluso dalla trasferta in Brasile per il codice etico: “Ho visto un Osvaldo determinato, abbiamo fatto anche qualche battuta su quanto successo – svela il mister azzurro – Se deve restare a Roma? Io non mi intrometto mai in queste vicende, dico solo che l’ideale per tutti sarebbe che si trovasse un equilibrio e un punto d’incontro. Credo che per la Roma sia un giocatore importante ma ha bisogno di un ambiente sereno per giocare al massimo”. Anche partendo dallo stato di salute di Osvaldo, Prandelli si sbilancia sulle chance in campionato della Roma: “Potrebbe essere una novità importante – afferma Prandelli – Negli ultimi anni abbiamo sempre intravisto la potenzialità della Roma e, nelle dichiarazioni diverse dei giocatori rispetto al passato, sembra ci sia uno spirito diverso, più compatto. Dalle prime amichevoli mi sembra ci sia la volontà di fare una stagione importante, avendo preso anche dei giocatori pronti. Può essere una sorpresa”.

 

FONTE: repubblica.it

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy