Monchi cala il full con Mirante, ora Pastore e il rinnovo di Florenzi. Radja saluta: “Portato a farlo”

Monchi cala il full con Mirante, ora Pastore e il rinnovo di Florenzi. Radja saluta: “Portato a farlo”

Parla anche il direttore sportivo giallorosso che definisce Schick un fuoriclasse e su Di Francesco dice: “E’ stato la mia prima scelta”

di Dario Marchetti, @@dariomarchetti7

Da quando sono arrivato ho avuto tutta la fiducia e l’autonomia che avrei potuto richiedere a dirlo è Monchi al magazine “The Tactical Sport”. Il ds giallorosso gode di un’ampia autonomia di lavoro e lo ribadisce nel corso dell’intervista dove si sofferma anche sulle sensazioni che prova nel lavorare quotidianamente con Francesco Totti. Entrambi vogliamo il bene delle Roma, è un privilegio poter condividere con lui questo progetto. Parole d’elogio anche per Di Francesco: “E’ stata la mia prima scelta, rispecchia in tutto le caratteristiche che cercavo. E’ Italiano, conosceva la piazza e aveva già raggiunto risultati importanti in carriera”. Non manca un commento alla stagione di Patrick Schick, definito da molti addetti ai lavori il colpo più importante della scorsa estate. E’ un fuoriclasse e lo dimostrerà con il tempo chiude Monchi, per il quale sono giorni decisamente frenetici. Piazza il quinto colpo in entrata che si chiama Antonio Mirante. Arriva dal Bologna dopo lo scambio con Skorupski più un conguaglio di 5 milioni di euro. Nella mattinata di oggi ha sostenuto le visite mediche di rito a Villa Stuart e sono arrivate le sue prime dichiarazioni da giocatore della Roma. “Sono felice di vivere questa nuova avventura” ha detto ai cronisti presenti, per poi volare a Trigoria nel pomeriggio dove ha firmato un contratto triennale. Fissato in agenda anche un incontro con Alessandro Lucci, manager di Florenzi, per il rinnovo del contratto in scadenza nel 2019. Monchi è pronto a mettere sul piatto 2,5 milioni di euro a stagione più bonus, mentre il prossimo colpo sarà Pastore. Con il Psg sembra già tutto definito e le prossime ore saranno decisive per il suo ritorno in Italia. Operazione da 24 milioni e quadriennale al giocatore. 

IN USCITA – L’arrivo del fantasista argentino, però, è legato alla partenza di Nainggolan. Con l’Inter l’accordo è stato raggiunto: 24 milioni ai giallorossi più due contropartite. La prima è Zaniolo, giovane talento della primavera nerazzurra, la seconda è Santon. Una volta raggiunta l’intesa anche l’entourage di quest’ultimi, allora il “Ninja” potrà andare a Milano per visite e firma. Il malcontento nella Capitale, però, è tanto. Lo stesso centrocampista belga non si è detto entusiasta sui social di lasciare Roma. Vado via ma non sto bene. A volte ti portano a fare delle scelte ha scritto Nainggolan a un tifoso che gli chiedeva di restare. Discorso diverso, invece, per Alisson. Altro calciatore che potrebbe lasciare la squadra di Eusebio Di Francesco, ma con direzione Madrid. La trattativa con il Real è sicuramente più complessa e i giallorossi hanno fissato il prezzo del cartellino a 80 milioni. Nel frattempo Monchi studia le alternative che potrebbero essere Olsen e Sergio Rico. Attenzione ad Areola anche se le ultime indiscrezioni provenienti dalla Spagna lo vedono vicino al Napoli. Si chiude, invece, la trattativa tra Bruno Peres e il Torino. Il terzino brasiliano, dopo un periodo di stand-by, ha accettato le condizioni del club granata.

STADIO – In questo tourbillon di trattative tiene banco anche il caso legato al futuro impianto giallorosso. Oggi sono arrivate le dimissioni di Parnasi e Civita, rispettivamente da Eurnova e dalla Commissione Regionale all’Urbanistica. Parlano poi i legali dello stesso imprenditore capitolino. “I pubblici ministeri hanno assicurato che non ci sono elementi che possano bloccare la procedura per il nuovo stadio” spiegano i penalisti, mentre Giampaoletti, dg di Roma Capitale, durante le audizioni con i pm ha parlato del rapporto di Lanzalone con il Comune: E’ stato di supporto fino ad aprile. Varianete? Seguimmo le procedure ordinarie”.

Caricamento sondaggio...

TIFOSI – Infine è stata la giornata in cui la Roma ha varato il nuovo “Codice di Condotta per i tifosi” che entrerà in vigore dalla prossima stagione come richiesto dalle norme Figc. Questa nuova regola viene automaticamente accettata da tutti i supporters che acquistano un tagliando o un abbonamento per lo Stadio Olimpico. 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy