Moggi: “Il mercato della Roma non mi è piaciuto. Lo Stadio? La Juve lo pagò”

“Certo, probabilmente non è nemmeno normale che uno, per costruire uno stadio, debba fare anche le stazioni…”.

di finconsadmin

L’ex direttore generale della Juventus Lucisno Moggi, ha rilasciato un’intervista ad ADNKronos esprimendo un parere sulle forze messe in campo in questo campionato, con Juve e Roma destinate a lottare per lo scudetto. Ecco il parere dell’ex Dg. La Roma non ha fatto una grande campagna acquisti come dicono molti. Iturbe è un buon giocatore e può far parte di un ciclo vincente, ma insieme con Gervinho rischia di far fatica. Con due esterni di questo tipo, la Roma rischia di soffrire se gli avversari – ha dichiarato – non concedono 30 metri di campo aperto. Alla Roma, piuttosto, sarebbe servito un attaccante centrale. La Juve ha inserito ricambi senza porsi il problema di aggiungere un difensore, probabilmente non lo ha ritenuto necessario. La Juve – ha ammesso – non ha ceduto nessuno e può ipotecare uno dei primi due posti“. Moggi è polemico anche sulla questione stadio. “Sento dire che la città di Torino regalò lo stadio alla Juventus. Noi, all’epoca, pagammo. In Italia si fa fatica a costruire stadi perché – ha sostenuto Moggi – molti vorrebbero lo stadio gratis. Non è normale. Certo, probabilmente non è nemmeno normale – ha concluso – che uno, per costruire uno stadio, debba fare anche le stazioni…”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy