Mazzone: “De Rossi nella Roma dovrebbe essere un intoccabile. Meriterebbe più rispetto”

di Redazione, @forzaroma

Ecco le parole di Carlo Mazzone ai microfoni di Radio Radio.Sulla Hall of Fame
Non mi è arrivato nessun invito. Mi avrebbe fatto piacere, ma non fa niente, non facciamone un caso

Sul caso Zeman-De Rossi
Come si è giustificato Zeman? Perchè ci sono dei giocatori che hanno bisogno di essere un po’ scossi per rendere meglio. Io con alcuni lo facevo. Non credo che De Rossi sia stato messo in panchina per motivi particolari. Uno come De Rossi deve essere uno degli intoccabili. Zeman è in uno dei momenti forti, pensava di trovare una Roma più all’altezza. Io nella mia carriera davo più spazio a giocatori come De Rossi. La componente più importante dell’allenatore nel rapporto con i giocatori è il lato psicologico. De Rossi non va mai messo in discussione. Per come la vedo io… Questo, però, non vuole essere un rimprovero a Zeman.

 

Non potrebbe essere un segnale agli altri giocatori?
Io a queste situazioni non ci sono mai arrivato. Io lo chiamavo da parte, avevo un rapporto diretto, e lo facevo con la presenza del gruppo. Con il mio modo di fare cercavo di entrare nella psicologia del giocatore, dell’uomo. De Rossi è un giocatore importante non solo sul piano tecnico e di rendimento, ma anche per la sua immagine la sua romanità. E’ vero,non sta passando un buon momento di forma, ma bisogna aiutarlo perchè lui è uno dei giocatori più importanti della Roma.

 

Guidolin ha tenuto fuori Di Natale, e lui per l’Udinese vale tre volte quello che De Rossi vale per la Roma. E lo ha fatto per mantenere un equilibrio nel gruppo
Ma perchè l’allenatore deve litigare con il giocatore? Non capisco….

 

Che consiglio darebbe a Zeman o a De Rossi?
Io non condivido questo tipo di rapporto tra l’allenatore e De Rossi che dopo Totti è il rappresentante della squadra. L’allenatore deve coinvolgerli su questo. La Società deve andare da Zeman per farglielo capire.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy