Livaja come Neto, Pasquato e Pisano. Mai a segno in Serie A prima…della Roma

di finconsadmin

(di Alessio Nardo) Si chiama Marko Livaja, ? nato a Spalato il 26 agosto 1993, e sino a ventiquattro ore fa non sapeva nemmeno cosa volesse dire realizzare un gol tra i professionisti. Poi, d’incanto, ha trovato la Roma. E da acerba promessa della nostra Serie A si ? trasformato in implacabile giustiziere d’area. Primo gol in avvio, all’8′. Secondo in chiusura di primo tempo, al 44′. Doppietta in poco pi? di mezzora. Non male per un centravanti che in tre anni, tra Hajduk, Lugano, Cesena ed Inter, non era mai riuscito a siglare lo straccio di un gol. La Roma ? speciale, questo lo sappiamo noi per primi. L’abilit? nel regalare gloria e soddisfazione ai carneadi di turno ? antica, quasi leggendaria. Solo in questa stagione, sono tre (oltre a Livaja) i calciatori ad aver festeggiato il loro primo gol in Serie A contro i giallorossi: il difensore portoghese Neto (in Siena-Roma del 2 dicembre), ora allo Zenit, l’attaccante del Bologna Cristian Pasquato (nel 3-3 del Dall’Ara del 27 gennaio) ed il difensore cagliaritano Francesco Pisano (in Roma-Cagliari 2-4 del 1? febbraio).

 

Ma il caso dei “neofiti del gol” non ? l’unico che ci affligge, da tempo. I colori giallorossi sanno regalare gioie impreviste anche ad altre speciali sottocategorie. Ad esempio, a coloro che solo ed unicamente contro la Roma si scoprono goleador. L’elenco storico ? lungo: Daniele Conti e Gamberini i nomi pi? noti. In tempi recenti segnaliamo Giovanni Marchese, terzinaccio del Catania, a segno due volte di fila all’Olimpico (il 5 maggio e il 26 agosto, nei due match terminati con lo stesso risultato, 2-2) ed il tandem genoano Kucka-Jankovic, a segno a Marassi sia lo scorso anno (26 ottobre 2011, 2-1) che in questa stagione (21 ottobre 2012, 2-4). Da non sottovalutare coloro che scelgono la Roma per brindare al primo centro con la nuova maglia. Recentemente ? toccato, oltre al gi? citato Livaja, ad Alberto Gilardino, il 16 settembre scorso. Primi due acuti con il Bologna nel drammatico 2-3 dell’Olimpico. Ed anche al neodoriano Gianluca Sansone, al debutto in maglia blucerchiata nel 3-1 di Marassi del 10 febbraio (perla del provvisorio 2-0 su punizione).

 

E non vanno dimenticati quei giocatori che, contro la Roma, interrompono la loro lunghissima astinenza da gol. Nel malinconico 1-4 dello Juventus Stadium, datato 29 settembre, Alessandro Matri mise a segno il provvisorio 3-0, ponendo fine al suo digiuno che durava addirittura da Milan-Juve di fine febbraio. Stesso destino per Josip Ilicic, autore dell’inutile 1-4 in Roma-Palermo del 4 novembre scorso, che gli permise comunque di riassaporare il gusto della rete dopo quasi un anno (ultimo centro il 27 novembre 2011, con la Fiorentina). Mettiamoci anche il centrale friulano Maurizio Domizzi, a segno nel 3-2 del 28 ottobre scorso dopo un’attesa durata un anno esatto (23 ottobre 2011, Udinese-Novara 3-0), ed il paraguaiano Marcelo Estigarribia, in gol nel succitato Samp-Roma (il suo ultimo gol a Pescara, cinque mesi prima, il 16 settembre).

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy