La Roma non ci sta: presentato il ricorso contro le curve chiuse

di finconsadmin

( di Marco Cantagalli ) Una Roma che non ci sta. Non ci sta con Tosel nella maniera più assoluta. Non ci sta con la decisione di chiudere le curve per Roma-Catania e Roma-Genoa. 

 

CALCIO-SCOMMESSE, CORI , CURVE CHIUSE E RICORSI

 

Ora ci sta una Roma che alza la voce. 

La Roma, infatti , ha presentato, proprio pochi minuti fa, il ricorso alla Corte Federale contro la squalifica per un turno della curva Sud, e la conseguente revoca della condizionale per entrambe le curve per la partita successiva, sanzionata dal Giudice Sportivo in merito ai fatti legati a Milan-Roma di lunedì scorso.

Fatti ormai famosi. Ovvero i cori razzisti contro Balotelli e tutta la squadra rossonera.

Cori che – in realtà – non ci sono mai stati. 

Il ricorso della Roma , non a caso, si basa sulla assenza di cori razzisti provenienti dal settore ospiti e sulla impossibilità di dimostrare che i tifosi presenti in quel settore fossero abitualmente all”Olimpico nella curva Sud.

Il verdetto della Corte è atteso venerdì. 

Intanto il direttore generale della Roma, Mauro Baldissoni, in un’intervista rilasciata a TgSport di Rai2, ha rilasciato importanti dichiarazioni in merito. Ecco le sue parole: “Siamo contrari a ogni forma di discriminazione razziale e in tutti questi anni lo abbiamo dimostrato proponendo piu’ volte alla Federcalcio e alla Lega iniziative per combattere la cultura del razzismo. Stiamo cercando di capire cosa sia successo lunedi’ sera a MilanoAbbiamo delle immagini che testimoniano come non ci sia stato nessun coro razzista.”

Ha detto la sua sulla squalifica delle curve giallorosse anche l’avvocato Lorenzo Contucci che è intervenuto ai microfoni di TeleRadioStereo. Ecco le sue dichiarazioni: “E’ una campagna senza precedenti, non la posso definire altrimenti quella condotta da Tosel, che è il soggetto che è tenuto ad erogare le sanzioni. Lui ha un ottica abbastanza punitiva, con collaboratori con un udito poco sviluppato. Infatti si confonde un coro criticabile con un coro razzista. Non si vuole nascondere la responsabilità di chi sbaglia. Il problema qui è che il fatto non è successo. Con il principio del colpirne mille per incolparne uno.”

Tornando al campionato , superato lo scoglio Milan, ora la testa è tutta verso il Catania: per la partita di domenica sono già stati venduti 10mila biglietti. 

Niente male, veramente.

I tifosi della Roma non demordono e non si arrendono, nonostante i cinque pareggi nelle ultime sei partite.

E domenica ci sarà un solo risultato a disposizione. La vittoria.

Una vittoria nell’ultimo match del 2013 che proietterebbe la squadra giallorossa a meno 5 dalla Juventus capolista. Una Juventus che però dovrà affrontare l’Atalanta, nella tosta trasferta di Bergamo.

Chissà se i bianconeri continueranno la loro striscia di vittorie da record, o se incapperanno anche loro in un risultato negativo. Per tornare normali. Per tornare raggiungibili. 

 

A proposito di Juventus, nell’ennesimo caos per il Calcioscommesse , è uscito nuovamente il nome di Antonio Conte.

Davanti al Procuratore di Cremona, Roberto di Martino, Coppola – ex portiere del Siena –  non ha potuto avere amnesie e ha dovuto confermare che Conte sapeva e che aveva lasciato campo libero all’accordo fatto tra i calciatori del Siena e quelli dell’AlbinoLeffe, come aveva riferito Carobbio. Un accordo di cui si è «confessato» colpevole il vice di Conte sulla panchina del Siena, Cristian Stellini. Ecco le dichiarazioni di Coppola in merito al tecnico bianconero: “Conte ribadì che lui ci teneva ad arrivare primo, ma che, qualora la squadra si fosse ritenuta impegnata dall’accordo con l’AlbinoLeffe, ci avrebbe lasciato fare”.

Ma non si è fatta attendere la replica del tecnico campione d’Italia: “Alcuni organi di stampa danno grande risalto al mio nome, in merito ad avvenimenti riguardanti nello specifico altre persone. Le dichiarazioni riportate evidenziano circostanze per le quali sono già stato giudicato dalla Giustizia Sportiva – aggiunge Antonio Conte –  Mi tutelerò da chiunque intenda ledere la mia dignità”.

 

TRIGORIA 

La squadra si è ritrovata questa mattina a Trigoria per la consueta seduta d’allenamento prevista alle ore 11 e 30. Per il match casalingo contro gli etnei , saranno ancora out  Federico Balzaretti e Marco Borriello. Da valutare le condizioni di Castan, che dopo la botta di lunedì sera, sembra poter recuperare. Oggi , sotto gli ordini di Rudi Garcia, la squadra si è allenata sulla parte atletica con allunghi aerobica ed esercizi di stretching. Si è conclusa la seduta con tiri in porta ed esercitazioni col pallone. Totti e Destro erano regolarmente in gruppo.

De Rossi e Strootman hanno svolto del lavoro personalizzato, per lo più in palestra. Entrambi sono squalificati per domenica, e rientreranno titolari nel big-match contro la Juve il 5 gennaio del 2014.

L’olandese, ormai il bomber della formazione capitolina, secondo le statistiche, ha stabilito un altro record in maglia giallorossa. Kevin ha giocato 1534 minuti, con 911 passaggi, di cui l’88.3% riusciti. Non a caso è entrato nel cuore della tifoseria, dimostrando in poco tempo di essere un vero leader. 

 

La Roma riparte da Milano, tra mille polemiche bizzarre e con cinque punti in meno della Juventus, ma sempre saldamente in seconda posizione. Aspettando la super-sfida di Torino, è pronta a battere anche l’ultimissimo Catania, per dimostrare ancora una volta di essere una grande squadra, capace di rialzarsi con orgoglio e di ripartire per raggiungere obiettivi che fino a qualche mese fà sembravano impossibili. 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy