Juve, Aguero e poi Vucinic: Marotta cerca la doppietta

di Redazione, @forzaroma

Ci sono delle volte in cui i desideri di una tifoseria e le strategie societarie viaggia­no a velocità diverse, quasi ap­partenessero a realtà distanti.

Eppure è unico il disegno che unisce la Juve e il suo popolo: arrivare a un giocatore che sia in grado di raccogliere l’eredità di Alessandro Del Piero senza impallidire al confronto. Un fuoriclasse capace di guidare la Juve fuori da una dimensio­ne che l’accompagna da cinque anni, anche se non le appartie­ne: quella di squadra sofferen­te e incapace di vincere. Beppe Marotta e Fabio Paratici stanno lavorando da oltre due mesi a questo progetto, con una tenacia che meriterebbe un premio immediato. Ma non funziona così. Quando scegli di confrontarti con Il Barcellona di oggi (la più grande squadra degli ultimi trent’anni), il Real di sempre, la nuova e ricca ari­stocrazia inglese (Chelsea e City) devi mettere in conto giorni buoni e altri meno. I prossime dieci, al massimo quindici, di giorni, saranno de­cisivI per le fortune di Marot­ta, Paratici e della Juve tutta.

FONTE tuttosport.it

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy