Italiano: “Avrei preferito uscire in coppa che perdere oggi così. Fonseca un signor allenatore”

Le parole del tecnico dello Spezia: “Arrabbiato per non aver portato via un punto”

di Redazione, @forzaroma

La Roma batte lo Spezia in un match al cardiopalmo. Il tecnico dei liguri Vincenzo Italiano ha commentato così la partita.

ITALIANO A SKY

Dopo aver eliminato la Roma in Coppa Italia magari qualcuno si aspettava un secondo round vittorioso, ma non era così facile. C’è qualche rimpianto?
Per lo Spezia non è mai facile niente. La prima cosa che ho detto è di dimenticare la Coppa e i ragazzi lo hanno fatto. Bravi a recuperare il doppio svantaggio, ma poi dopo meno bravi nell’occasione che ha decretato la nostra sconfitta. Anche se ci sono degli errori, all’ultimo secondo devi cercare di non pendere gol. Rimane la doppia buonissima prestazione.

Si aspettava una gestione differente del pallone?
No, quando l’allenatore ti dice che devi portare il risultato non puoi correre quel rischio lì. Averla recuperata era un grande merito per i ragazzi contro una grandissima squadra. Il punto sarebbe stato importante, ma ripartiamo. Continuiamo così perché l’atteggiamento e lo spirito mi piace. Ci riprenderemo i punti da un’altra parte.

Ha messo in crisi la Roma. Come l’ha vista?
Fonseca è un allenatore di altissimo livello, possono capitare momenti con alti e bassi per le squadre. Sono partiti bene, ma poi hanno avuto un calo. Con grandi giocatori riesci sempre a trovare il colpo di coda, la Roma può giocarsi tantissimo ed auguro a Fonseca il meglio. È un signor allenatore e spero metta a posto la situazione.

Aumenta la consapevolezza che questo Spezia possa far bene con tutti, al di là dei risultati
Oggi ad aumentare è la mia rabbia per non aver portato a casa almeno un punto. C’è comunque la consapevolezza di essere riusciti a mettere in difficoltà grandi squadre. Abbiamo fatto un ottimo cammino, questa era l’ultima partita del girone di andata. La strada è lunga ma abbiamo fatto vedere di avere una mentalità e un’identità precisa. Possiamo fare o subire gol, ma porteremo avanti il nostro atteggiamento anche nel girone di ritorno.

In cosa dovete crescere?
Oggi non mi è piaciuto prendere quell’uno-due dopo aver abbassato la tensione. In altre occasioni le partite sono chiuse, non ci capitava da un po’ e questa cosa mi fa arrabbiare perché bisogna tenere aperte le gare sempre. Per il resto ci sono tanti aspetti positivi che portiamo con noi.

Tante richieste per Nzola: quando torna dall’infortunio? Teme di perderlo ora?
Nzola ha un fastidio alla caviglia, gli fa male quando inizia a correre e non lo vogliamo rischiare, per noi è importante e dovrà esserlo anche nel girone di ritorno. Speriamo di riabilitarlo presto, per noi la sua presenza in campo è fondamentale.

ITALIANO IN CONFERENZA

Lo Spezia poteva anche vincerla
Il rammarico è di non aver portato via il punto che penso meritavamo. Potevamo abbandonare la gara sul 3-1, ma se poi noi la riprendiamo una squadra come la nostra non può subire quel gol alla fine, qualcuno deve metterci una pezza. Martedì ci aveva dato consapevolezza, avevamo messo in difficoltà una corazzata, ma ci può stare che lo Spezia perda a Roma.

Difficile che lo Spezia sbagli una partita
Abbiamo fatto molto meglio della partita di coppa ma oggi abbiamo perso, il calcio è strano. Non mi è piaciuto l’uno-due subito che ha portato al 3-1 dopo che non avevamo subito tanti pericoli. Siamo giovanissimi, sono contento di quello che stiamo facendo, un 2001 a centrocampo e uno in attacco.

Avrebbe preferito i 3 punti oggi e l’eliminazione in coppa?
Forse l’avrei preferito. Fa malissimo subire gol a 30 secondi dalla fine. Ho archiviato la partita di coppa, sapevo che il campionato era un’altra storia. Ci prendiamo la qualificazione, ma fa molto male subire gol all’ultimo.

ITALIANO AL SITO UFFICIALE DELLO SPEZIA

C’è rammarico per non aver portato via il punto che penso meritavamo, dopo il pareggio allo scadere non avremmo dovuto incassare quel gol, resta comunque il fatto di aver dato filo da torcere nel doppio confronto ad una corazzata come la Roma. Con più attenzione avremmo potuto fare meglio, in ogni caso siamo contenti per quello che stiamo dimostrando in questo campionato, con una squadra davvero molto giovane. Dobbiamo continuare così, perché la stagione è ancora lunga e abbiamo ancora tanto da dimostrare. Fa malissimo subire gol a 30” dalla fine, avevamo archiviato la Coppa perché sapevamo di incontrare una squadra col dente avvelenato, quindi ci teniamo stretto il successo di martedì anche se perdere così, quest’oggi, confesso che ci riempie di rammarico. Torniamo a Spezia con un girone d’andata chiuso a 18 punti, una classifica positiva per la nostra realtà, nel girone di ritorno avremo un pizzico di consapevolezza in più.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy