In radio la rivolta. Corsi, Rossi, Lo Monaco, Leggeri in coro: “Ci stanno rubando il campionato”

di finconsadmin

(di Luca Parmigiani) E’ l’argomento del giorno. La vittoria della Roma a Bologna è passata in secondo piano dopo ciò è successo ieri allo Juventus Stadium. L’ennesimo episodio a favore della Vecchia Signora ha scatenato l’ira dei tifosi giallorossi: normale quindi che anche nelle radio romane il tema principale fosse proprio questo.

Dalle voci di speaker e opinionisti delle principali emittenti radiofoniche locali il pensiero è uno solo: la Juventus sta rubando il campionato, favorita da arbitraggi ad orologeria che la aiutano sempre nel momento di maggiore difficoltà per i bianconeri.

Come recita il proverbio, se tre indizi fanno una prova, qui siamo di fronte all’ennesimo scempio all’italiana, che trova purtroppo sempre la Roma come vittima.

Il pensiero è unanime e scorre presso tutte le frequenze giallorosse: “Facciamo un’altra Lega alternativa per i cavoli nostri…questi ladri si acchittano le partite da 100 anni, questo dice la storia: truffe, inganni, doping, prepotenza e delinquenze. Da oggi non parlo più del primo posto, non ci sto più a farmi prendere in giro. Conte si mette pure a ridere…Ah Conte, ma che te ridi? Che ridi? Siete dei ladri, c’aveva ragione Sensi a dirvi che siete un’associazione per delinquere” dice David Rossi dai microfoni di Teleradiostereo. “Negano davanti all’evidenza, e non ci sto più. Basta. Non giochi mai ad armi pari con la Juventusgli fa eco Ubaldo Righetti al suo fianco in studio.

 

 

Non cambia il refrain su Rete Sport: “Quando De Sanctis parla di Sistema parla proprio di questo, conviene alle altre squadre non andare contro la Juventus” la considerazione di Alessandro Angeloni. “Juve? Se la cosa è casuale, è mai possibile che contro la Juve non ci sia mai stato un errore? Non è la Juventus il problema, lo è il Sistema. C’è il problema della pressione dei potenti” dice Paolo Franci.

 

 

Giriamo il pomello della radio e arriviamo su Centro Suono Sport: “La Roma la stanno derubando in modo non più occulto. Siamo tornati all’era Moggi, quella sfacciata, che ti nega i rigori palesi” sostiene Mario Corsi. “Ce l’hanno fatto capire chiaramente che questo scudetto è della Juve” aggiunge Alessandro Doria.

 

 

Scudetto scippato, “una messa in scena” per usare le parole sentite su Radio Manà Manà: “Questo campionato è una messa in scena, mi dispiace molto perché non vorrei si spegnesse tutto l’entusiasmo da parte di questa Roma. Il popolo romanista è indignato” esordisce Max Leggeri. “La Juventus è arrivata alla frutta, ma vincerà questo ennesimo scudetto grazie alla compiacenza degli arbitri” il pensiero di Michele Giammarioli.

 

 

La rabbia continua anche nel pomeriggio. A Radio Radio si parla di “Classifica falsata,il distacco tra Juve e Roma è dovuto anche agli errori arbitrali” sostiene Alessandro Vocalelli, mentre per Ilario Di Giovambattista “Se accertiamo la sudditanza psicologica degli arbitri allora è un problema irrisolvibile”. Poi la forte denuncia di Franco Melli “Questi arbitri stanno facendo peggio di quelli di Calciopoli”

 

Su Rete Sport tocca al direttore Daniele Lo Monaco “La Juventus sta avanti perchè l’hanno fatta vincere; col Chievo all’andata e col Torino all’andata e al ritorno. E’ avanti per i favori arbitrali. Il campionato è andato a farsi benedire ormai. Da Trigoria trapela che la Roma a riguardo starà zitta. Per me sbaglia, potrebbe tranquillamente andare a dire che è stata fortemente penalizzata. Cosa può succedere di peggio? Tanto non c’è modo di avvicinare la Juve. Perchè, nel dubbio, non si sbaglia mai in favore dell’avversaria della Juve? Dove stanno gli errori clamorosi a danno della Juve? Invece parlano ancora del rigore di Gervinho contro l’Inter!”

 

 

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy