Ghirardi: “Domani sarà dura, anche per questo con il Chievo dovevamo prendere i tre punti”

Il Presidente del Parma, Tommaso Ghirardi, ha rilasciato un intervista a Tele Radio Stereo, in vista della partita di domani contro la Roma

di finconsadmin

Il Presidente del ParmaTommaso Ghirardi, ha rilasciato un intervista a Tele Radio Stereo. Queste le sue parole: “sicuramente l’amarezza e’ ancora forte, siamo convinti di aver subito un torto e non molleremo le nostre convinzioni. I nostri legali stanno andando avanti in questa battaglia, antipatica, ma e’ d’obbligo avere dei chiarimenti. Noi abbiamo conquistato l’Europa League sul campo e le istituzioni non ce l’hanno concessa. Ora dobbiamo andare avanti e ripeterci per dare soddisfazione ai nostri tifosi”. Sulla vittoria del suo Parma di domenica al Bentegodi contro il Chievo, ha detto: “La voglia di ritornare e mettersi in gioco viene ripagata dalla prestazione di domenica. Abbiamo avuto problemi fisici e mentali all’inizio, perché i giocatori sono quelli che hanno subito di più questa situazione – prosegue Ghirardi – ma ribaltare una partita in 15 minuti e’ un messaggio importante”. E mercoledì al Tardini arriva la Roma di Garcia che ha vinto le prime tre partite:  “Juventus e Roma la faranno da padrone, sono due organici completi, squadre fortissime. Domani sarà dura, anche per questo con il Chievo dovevamo prendere i tre punti. Non partiamo sconfitti, avremo motivazioni importanti, ma sarà dura confrontarsi con una squadra cosi’. Anche per loro pero’ non sarà semplice affrontare noi”. Ghirardi parla anche dell’argomento del momento in chiave politica federale. Le polemiche tra i dirigenti non mancano: “Io non ho legami con nessuno, siamo una società autonoma che vive di luce propria grazie alla disponibilità della mia famiglia, ai nostri sponsor e ai nostri tifosi. Ci sono troppe guerre mediatiche, sarebbe bene che stessero tutti un po’ piu’ zitti e lavorassero per il bene del calcio italiano. Bisogna avere la forza di cambiare le regole e continuiamo solo a chiacchierare. Nell’ultima assegnazione dei diritti tv le cifre sono cresciute del 20%-25%, quindi e’ un business in crescita e questo e’ importante e va detto. Il calcio raccoglie ancora molto interesse, sta agli amministratori di questo sport dare delle nuove regole e nuovi stimoli, per incentivare la gente a venire allo stadio”

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy