Gervinho: “Mi piacerebbe andare a cena con Obama. Sono a Roma per conquistare titoli”

di finconsadmin

(Ansa) – Tutti pazzi per Gervinho. Dopo il gol in acrobazia con cui ha eliminato la Juventus in Coppa Italia, la prestazione super a Verona ha sgombrato il campo da ogni dubbio: e’ l’attaccante ivoriano il simbolo della rincorsa giallorossa alla testa della classifica. Con le sue giocate ‘er tendina‘, come e’ stato ribattezzato dai tifosi romanisti per la stravagante acconciatura, ha riaperto il campionato.

E a Trigoria, adesso che il distacco dai bianconeri si e’ assottigliato, si comincia a credere alla rimonta. “Si sta delineando una corsa a due per lo scudetto perche’ la terza e’ a 12 punti dalla vetta, una distanza quasi incolmabile a 17 giornate dalla fine del campionato – ha spiegato De Sanctis, uno dei leader dello spogliatoio della Roma – Dopo i pareggi di Napoli e Juventus, era fondamentale dare un segnale importante, forte, e cosi’ e’ stato. Sei punti rimangono un bottino importante per la Juve, ma noi dobbiamo restare concentrati sul nostro lavoro. Gervinho? Sta andando bene, speriamo continui cosi’ fino alla fine del campionato. Se dovesse segnare anche, diventerebbe un giocatore devastante“.

Con le sue accelerazioni, d’altronde, l’ivoriano si sta dimostrando l’arma in piu’ della squadra di Garcia. Lontanissimi sembrano in tempi in cui a Londra era considerato un bidone. “All’Arsenal non sentivo abbastanza fiducia, non mi e’ stato dato il tempo necessario per dimostrare il mio valore. Quando giocavo spesso lo facevo fuori posizione, dove non potevo dare il meglio” ha raccontato di recente Gervinho in un’intervista al Daily Mail, prima di confessare che finora il momento piu’ esaltante vissuto in campo e’ stato “la vittoria del campionato francese col Lille“.

Non c’e’ niente di meglio che vincere grandi trofei. Sono andato all’Arsenal per questo motivo, ma non sono riuscito a vincere niente – ha spiegato – Ora sono a Roma dove abbiamo una grande chance di conquistare titoli in questa stagione e negli anni a venire“. Di certo la Capitale, dopo lo scetticismo iniziale, ha imparato ad apprezzare questo attaccante cresciuto col mito di Drogba.Lui e’ stato fonte di ispirazione per tutti noi della nazionale della Costa d’Avorio. Non e’ solo quello che fa sul campo, ma anche tutto quello che fa per il nostro popolo – ha sottolineato – Alcuni suoi discorsi sembrano quelli di un presidente che cerca di motivare il proprio paese“.

E a proposito di presidenti, Gervinho ha rivelato di avere un debole anche per l’inquilino della Casa Bianca: “Mi piacerebbe andare a cena con Obama perche’ e’ una persona che stimo veramente“. E al ristorante porterebbe volentieri anche il musicista Jay-Z perche’ “mi piace ascoltare qualsiasi cosa dalla scena hip-hop statunitense. Lui e Kanye West sono i miei preferiti“.

Senza pallone, pero’, non sarebbe salito sul palco. “Cosa avrei fatto se non fossi stato un calciatore? Non lo so, crescendo in Costa d’Avorio non e’ cosi’ facile da dire. Mi sarebbe piaciuto lavorare nel settore bancario oppure nel campo dell’istruzione. Non e’ un’esagerazione dire che il calcio ha salvato me e la mia famiglia, e’ molto di piu’ di un lavoro – ha riconosciuto – Sono cresciuto con molto poco, e le cose materiali non sono mai state cosi’ importante per me. Tutto quello di cui ho bisogno sono mia moglie e i miei bambini, nient’altro“.

 

 

ECCO L’INTERVISTA INTEGRALE (vai all’articolo originale)

Chi è il tuo eroe sportivo?
Didier Drogba è stato di ispirazione per tutti noi della Nazionale della Costa d’Avorio. E’ un grande motivatore per noi tutti – e alcuni consigli che ci da lo fanno sembrare un presidente che cerca di motivare il proprio paese. Non è solo per quello che fa sul campo, ma tutto ciò che fa per la nostra gente fuori dal campo.

 

Cosa avresti voluto fare se non fossi diventato uno sportivo?

Non lo so, crescere in Costa d’Avorio non è semplice. Non è facile dire ‘voglio lavorare in banca o nell’ambito dell’educazione, perchè non ci sono tutte queste opportunità. Non esagero nel dire che il calcio ha salvato me e la mia famiglia. E’ molto più che un lavoro.

 

Il tuo desiderio sportivo?
Pensavo potesse essere il fatto di vincere il campionato in Francia con il Lille. Non c’è niente di meglio che vincere il trofeo più alto. Sono andato all’Arsenal per questo motivo, ma non sono riusciti a vincere niente. Ora sono alla Roma e abbiamo la grande opportunità di vincere trofei in questa stagione, e negli anni a venire.

 

Il peggior momento della tua carriera?
Ho detto che non sentivo fiducia nei miei confronti da parte del tecnico dell’Arsenal, e lui non mi ha dato abbastanza tempo per provare le mie capacità sul campo. Quando giocavo, non ero nel mio ruolo; e quando sei un calciatore vuoi giocare dove sai che puoi dare il to meglio.

 

Cosa salveresti ipoteticamente dalla tua casa in fiamme?
Sono cresciuto in una casa piccola, le cose materiali non sono mai state importanti per me. Se mia moglie e mio figlio sono fuori dalla casa, allora ho tutto quello che potrei desiderare.

 

Qual è la tua canzone preferita?
Adoro sentire tutto ciò che riguarda la scena Hip Hop americana. Jay Z e Kanye West sono i miei cantanti preferiti.

 

Il programma che non puoi perdere in Tv?
Mi piace guardare partite dove giocano i miei amici. Ho provato a registrare e guardare tutte le gare in cui giocavano Drogba, Emmanuel Eboue e Salomon Kalou. Anche Samir Nasri è un mio buon amico, quindi mi piace guardare anche le partite del Manchester City quando lui gioca.

 

L’ultimo film che hai visto?
Uno insieme ai miei figli. Quando torno a casa dopo l’allenamento è bello sedermi e guardare un film con loro. Amano la saga ‘Madagascar’.

 

Sai cucinare?
Non troppo bene perchè ho qualcuno che lo fa per me. Quando ero all’Arsenal mia moglie non c’era ma era il club che cucinava per me dopo gli allenamenti.

 

Se potessi cenare con tre personaggi famosi, chi sarebbero?
Jay Z, Thierry Henry ed il presidente Obama. Sono tre persone che rispetto veramente.

 

Dove ti piace di più andare in vacanza?

Mi piace rilassarmi nel sud della Francia. Il clima è così bello, il cibo così buono ed è perfetto perchè si può parlare francese.

 

In un film sulla tua vita, chi potrebbe interpretare te?
(Ride) Non ci ho mai pensato. Ma dovrebbe avere i capelli come i miei, fatti dal mio parrucchiere di fiducia in Francia, per essere realistico.

 

Ci dici un segreto?
Degli artisti, da me, hanno fatto una canzone su di me. E’ stato in un momento in cui abbiamo attraversato molti problemi e delle violenze nel nostro paese. Il testo dice che vedendomi sollevare il titolo di Francia, questo ha permesso loro di dimenticare per un po’ i loro problemi. E’ stato molto umiliante.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy