Friedkin furiosi dopo Napoli, Fonseca: “Bugia che non ci rispetta”. Sollievo Veretout, out Smalling

Il tecnico della Roma ha risposto in maniera forte ad alcune indiscrezioni: “Non posso accettarlo”. Nessuna lesione per il francese, Mancini: niente lungo stop

di Francesco Iucca, @francescoiucca

La Roma si prepara alla sfida di Europa League contro lo Young Boys che può regalare il primo posto aritmetico nel girone. Sarà l’ennesima tappa del tour de force che sta vedendo impegnata la squadra di Fonseca, che dovrà fare a meno di Jordan Veretout e Gianluca Mancini. Pesante soprattutto l’assenza del centrocampista francese, anche vedendo i numeri in campo. Entrambi si sono visti oggi a Villa Stuart per i controlli strumentali: per l’ex Fiorentina – che ha scherzato all’uscita della clinica – nessuna lesione mentre Mancini, come ammesso da Fonseca, difficilmente recupererà per domenica col Sassuolo. Saranno ovviamente out per l’Europa League (arbitra il croato Fran Jovic) mentre Fazio e Kumbulla non sono al top dopo il rientro dal Covid e restano in forse. Out anche il giovane Zalewski, positivo all’ultimo tampone.

LaPresse

Fonseca: “Lo sfogo dei Friedkin bugia inaccettabile”. Smalling verso il forfait

Fonseca ha condotto l’allenamento di oggi ancora senza Smalling e Santon, che si sono allenati a parte e quindi sono a forte rischio con lo Young Boys. Secondo alcune indiscrezioni apparse oggi su ‘Il Tempo’, i giallorossi sono ripartiti dopo uno sfogo importante da parte di Dan e Ryan Friedkin, che ieri a Trigoria avrebbero usato parole dure con i giocatori per la brutta figura di Napoli. Un episodio che però è stato seccamente smentito proprio da Paulo Fonseca nella conferenza stampa della vigilia: Non è vero. Questa notizia è una grande bugia, non è un lavoro serio e non posso accettarlo. Questo non è rispettare la squadra. Poi il tecnico portoghese continua: “Il ko di Napoli va analizzato ma senza drammi e depressioni, non altera la nostra fiducia. L’allenatore della Roma non si sbilancia sulla presenza di Dzeko e Pellegrini: “Bisogna fare attenzione alla condizione fisica. Veretout non ha lesioni, Mancini invece aveva già una lesione prima del Napoli e ho rischiato. Per fortuna non è peggiorato. Mercato? Ne sto parlando con il presidente”. Tra i possibili nomi per giugno c’è quello di Marco Silvestri, portiere del Verona che si sta mettendo in mostra e potrebbe essere l’erede di Mirante o Pau Lopez, entrambi in bilico per motivi diversi.

Poi è toccato anche a Bryan Cristante prendere la parola: “Domenica non abbiamo fatto una buona partita, ma è stato solo un caso isolato e ce la siamo messa alle spalle. Da domani faremo rivedere il nostro gioco, sarà una gara fondamentale. E non penso sia vero che abbiamo difficoltà contro le big perché abbiamo fatto sempre ottime partite, ricordo poche sconfitte. Intanto lo Young Boys è arrivato nella capitale, ma sarà senza il vice allenatore Patrick Schnarwiler, che è risultato positivo al Covid ed è ovviamente in isolamento.

LaPresse

Capitolo stadio. Anche il Governo si è mosso per informarsi sull’iter dello stadio, tra rischio idrogeologico, situazione traffico e non solo. Gaetano Papalia, amministratore delegato della Sais (ex proprietaria dei terreni di Tor di Valle) ha invece sottolineato quali sono secondo lui i motivi dello stallo: “È solo una questione di volontà politica. I vincoli privatistici, come il pignoramento, possono essere superati dal Comune. Sono pretesti, il pignoramento è ininfluente“. Poi le parole di Francesco Calvo, Chief Operating Officer della Roma, che ha presentato il robot di telepresenza che ha aiutato i giallorossi a rimanere vicino ai tifosi e incontrarli.  Infine Daniele De Rossi, che è presente nell’elenco degli allievi ammessi al corso per l’abilitazione ad “Allenatore Uefa A”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy