De Sisti: “Il gruppo si riconosce nell’allenatore. Fondamentale la posizione di De Rossi”

di finconsadmin

”Anche io avevo dei dubbi, dopo le ultime due stagioni. E come tanti, sto imparando a conoscere ed apprezzare Garcia”. Giancarlo De Sisti, da romano e romanista, non ha problemi a riconoscere che l’arrivo nella capitale del tecnico francese era stato accolto con una buona dose di scetticismo, da lui come da quasi tutto l’ambiente. ”Ero curioso di vedere se il desiderio di rivincita, aggiunto all’innesto di alcuni elementi nuovi, avrebbe dato la scossa necessaria. Ma ora stiamo andando oltre ogni piu’ rosea previsione” ammette l’ex centrocampista azzurro, nonche’ di Roma e Fiorentina, a ‘Radio anch’io sport’.

 

 

De Sisti loda la ”capacita’ di comando e di gestione di Rudi Garcia. Ha la squadra in mano. Basta vedere come richiama i giocatori in ogni occasione”. Quanto alla ”impermeabilita’ della difesa”, una sola rete al passivo dopo 9 turni, la attribuisce alla grande collaborazione: ”Tutti lavorano per aiutare i compagni di reparto”. E poi ”è fondamentale la posizione di De Rossi, quella che aveva gia’ con Spalletti, davanti ai due centrali”. Roma anche fortunata, vedi il palo colto ieri dall’Udinese? ”La fortuna c’e’ quando te la vai a cercare”.

 

 

Dopo 9 successi di fila, la Roma ”non puo’ piu’ nascondersi – incita De Sisti – e parlare dei primi tre posti. Deve dire che ci provera’ fino in fondo, ma per il tiolo, non per un piazzamento”. ”E’ vero che a Roma siamo umorali, fenomeni dopo una vittoria, pronti alla depressione dopo un ko. Ma questa squadra – conclude ‘Picchio’ – e’ una realta’ piu’ forte degli sbalzi di umore”. C’e’ un uomo simbolo? ”No, e’ un gruppo che si riconosce nell’allenatore”. (ANSA)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy