Forzaroma.info
I migliori video scelti dal nostro canale

news as roma

Cufré: “Mourinho farà bene. Roma è una piazza che ha bisogno di titoli”

Getty Images

Le parole dellex calciatore giallorosso: "Per la Roma bisogna dare il cuore, se lo dai riesci a valorizzare al meglio la squadra e te stesso”.

Redazione

Leandro Cufré, ex giocatore della Roma, è intervenuto ai microfoni di Centro Suono Sport 101.5 nella trasmissione “Crossover”. Queste le sue parole:

Come procede la tua avventura da allenatore? “L’avventura da allenatore è cominciata con il Venezuela insieme ad un altro allenatore, Pekerman, ora sono il suo secondo. Stiamo guardando al mondiale del 2026 e ci aspettano cinque anni insieme per realizzare un progetto davvero interessante”.

Che cosa è cambiato nel passaggio da giocatore ad allenatore? “Alla fine della carriera da calciatore cominci a guardare altre cose del calcio. Per diventare un buon allenatore bisogna rimanere aggiornato sul calcio che cambia, è necessario studiare tanto per fare questo mestiere. Per fare bene con una squadra servono tanti elementi, in primo luogo i giocatori ed una buona società che stia dietro al progetto”.

Un tuo giudizio sulla Roma di Mourinho? “Parlare di un allenatore quando fai l’allenatore è sempre complicato. Mourinho ha una fama importante ed è tanto che fa bene nel calcio, speriamo che farà risultati perché questa piazza ha bisogno di titoli”.

Che cosa serve per vincere? “Serve la grinta. Quella ce l’hai o non ce l’hai. Per la Roma bisogna dare il cuore, se lo dai riesci a valorizzare al meglio la squadra e te stesso”.

Qual è il tuo ricordo più bello con la maglia giallorossa? “I primi due anni alla Roma sono stati un periodo difficile per me. La squadra era completa e veniva dalla vittoria dello Scudetto per questo trovare spazio era difficile e poi sono partito per Siena. Quando sono tornato è iniziata la mia seconda avventura con la maglia giallorossa ed anche se i cambiamenti che c’erano stati non ci hanno permesso di vincere è stato un bel momento perché nelle difficoltà i tifosi ci sono stati molto vicini”.