Buonamano: “Tra febbraio e marzo la Roma andrà fortissimo. Se esiste una legge antidoping è merito di Zeman”

di Redazione, @forzaroma

Durante la giornata odierna è intervenuto ai microfoni di Radio Ies, durante la trasmissione “La città nel pallone”, uno degli autori del libro dedicato alla cavalcata trionfale del Pescara di Zemannella stagione 2011/2012, Oscar Buonamano. Queste le sue parole riguardanti il tecnico boemo e non solo:

Libro con prefazione di Sacchi?
“Sacchi e Zeman, hanno fatto il corso d’allenatore a Coverciano assieme. Zeman si laureò con 110 e lode e il voto più alto di tutti. Al corso di Coverciano, c’è un test antistress che si fa: Sacchi ha avuto 91, mentre il tecnico boemo 0. Il ciò è tutto dire”.

Roma -Pescara similitudini?
“Il progetto della Roma, rispetto a quello del Pescara è già più avanti. I giallorossi tra febbraio e marzo andranno fortissimo e daranno 3 o 4 gol di passivo ad ogni avversaria. Ogni sera guardo gli allenamenti della Roma e posso garantirvi che le assonanze sono molte. La differenza principale è che, Pescara e molto più piccola rispetto a Roma”.

Zeman e la sua carriera?
“In Italia vigono gli asserviti e le persone come Moggi e la compagnia che ha guidato il calcio negli ultimi anni. Se nel nostro paese esiste una legge antidoping, lo dobbiamo solo a Zeman”.

De Rossi?
“La Roma che vuole Zeman, non potrà mai essere la Roma di De Rossi. Nel gioco di Zeman, i protagonisti sono gli attaccanti e non i centrocampisti. A meno che il giallorosso, non voglia tornare ad essere un faticatore instancabile e un calciatore devoto al gioco del boemo”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy