Bojan, l’addio è ufficiale. 48 ore per un colpo in entrata

di Redazione, @forzaroma

(di Alessio Nardo) Meno di due giorni alla fine del mercato. Le ore passano, i tifosi attendono. L’amara notizia dell’addio di Bojan Krkic (con destinazione Milan) non è stata ancora digerita dal popolo giallorosso, affatto contento di servire sul piatto d’argento un gustoso rinforzo offensivo ad una diretta concorrente. Come placare i malumori della gente? Con un colpo, se non due. Le esigenze primarie della Roma sono identificabili in un terzino destro, un centrale difensivo ed una punta esterna. Ma molto difficilmente Walter Sabatini vorrà (e potrà) intervenire con tale energia per soddisfare i desideri della piazza.

 

BOJAN ADDIO – Nel pomeriggio è stato ufficializzato il trasferimento in prestito di Bojan alla corte di Massimiliano Allegri. Questo il comunicato diramato dalla società giallorossa: “L’A.S. Roma S.p.A. rende noto di aver sottoscritto il contratto con l’A.C. Milan per la cessione a titolo temporaneo dei diritti alle prestazioni sportive del calciatore Bojan Krkic Perez, a fronte del riconoscimento di un corrispettivo pari a 0,25 milioni di euro, con effetti a decorrere dalla data odierna e scadenza al 30 giugno 2013?.

 

In mattinata, la punta spagnola ha rilasciato le prime dichiarazioni da milanista: ”Ho saputo poco tempo fa che c’era la possibilita’ di venire qui. Perche’? Per tutto, il Milan e’ una grande societa’, un club storico. Qua l’allenatore mi voleva veramente, e adesso voglio ringraziarlo giocando il mio calcio. Arrivo al Milan anche grazie alla Roma, l’anno scorso mi ha permesso di conoscere il calcio italiano”. Bojan lascia la Roma dopo un solo anno, condito da 37 presenze complessive e 7 reti.

 

POSSIBILI SOSTITUTI – Le ore passano, le 19.00 del 31 agosto si avvicinano. La sensazione è che qualcosina, alla fine, si farà. Resta da piazzare un ulteriore esubero, quel Marco Borriello che proprio non rientra nei piani tecnici di Zdenek Zeman. L’attaccante napoletano intende restare in Italia, e ha gentilmente declinato le richieste di Queen’s Park Rangers e  Wolfsburg. Sulle sue tracce restano Inter, Fiorentina e Juventus.

 

I bianconeri, nonostante l’imminente colpo Berbatov, potrebbero riaccogliere in organico Borriello, concedendo alla Roma le prestazioni di Fabio Quagliarella. Di questo intrigante scambio ha parlato, ai microfoni de ilsussidiario.net, l’agente Fifa Giovanni Bia: “C’è il tempo giusto per provare uno scambio di questo genere. Tra grandi squadre basta poco per mettersi d’accordo, quindi se c’è la volontà di tutti si può fare l’operazione. Borriello a Roma non è nei piani di Zeman e potrebbe andare via tornando in un club che lo ha visto protagonista nel finale della scorsa stagione. Anche Quagliarella sta trovando poco spazio a Torino e potrebbe giocare nel tridente di Zeman come centrale d’attacco o come esterno”.

 

Quagliarella sarebbe il sostituto ideale di Bojan, ma non è il solo nome a circolare in queste ore. Si parla anche del cagliaritano Marco Sau, protagonista lo scorso anno in Serie B con la Juve Stabia (36 presenze e 21 gol), e del brasiliano Nené, in uscita dal Paris Saint Germain. In prospettiva futura, resta concreta la pista che porta a “Pepito” Rossi, attualmente infortunato (rientro previsto per il 2013). Il suo agente Federico Pastorello è a Milano e potrebbe incontrare nelle prossime ore i dirigenti della Roma. Non emergono, al momento, potenziali nomi in entrata per il reparto difensivo. Congelata la trattativa riguardante il portiere uruguaiano Goicoechea, pallino di Zeman.

 

VERSO L’INTER – Nel frattempo la squadra si prepara in vista della prima trasferta ufficiale della stagione, a San Siro contro l’Inter. Mancherà, oltre a Dodò, l’ex Chievo Michael Bradley, out un mese per via di una lesione muscolare di 1°-2° grado al retto femorale destro. Due le ipotesi possibili per la sostituzione del centrocampista americano: Florenzi, nel ruolo di intermedio destro, o Tachtsidis in posizione di regista, con De Rossi decentrato. In difesa non dovrebbero esserci novità, davanti quasi certe le presenze di Destro e Osvaldo. Ballottaggio a tre per due maglie tra Lamela, Totti e Nico Lopez.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy