Berthold: “Andare dalla Roma al Bayern il mio pi? grave errore!”

di finconsadmin

Nella bottega c?? spazio per tutti, la porta ? sempre aperta. Da buon padrone di casa, amo avere ospiti e chiedere loro di raccontarmi le storie di calcio che amo ascoltare e narrare.Da oggi inauguro la nuova rubrica??L?ospite della bottega?, nella quale troverete qualche domanda fatta a un protagonista di quel calcio che amiamo.

Il primo a sottoporsi alle mie domande ? il tedesco?Thomas Berthold, che ho intervistato poco tempo fa per?Tuttocalciatori.net?(l?sulla sua esperienza al Verona. In questo spazio, invece, parliamo dell?altra sua parentesi italiana, quella pi? redditizia e nella quale ha lasciato pi? il segno: la Roma.
Due stagioni intense, dal 1989 al 1991, nelle quali il difensore conquista una Coppa Italia, realizzando tra l?altro un gol nella finale di andata contro la Samp di Vialli e Mancini, e una finale di Coppa Uefa persa contro l?Inter.

Caro Thomas, innanzitutto come arrivasti alla Roma?
?Emiliano Mascetti, il direttore sportivo, mi conosceva da Verona e il mio connazionale Rudi Voeller ha parlato bene di me alla societ??.

Che ricordo hai della stagione travagliata, coincisa con il cambio di societ??
?Roma e il posto pi? difficile in Italia per giocare calcio. Rispetto a Verona, la realt? che ho trovato era molto diversa: la stampa, i tifosi, la citt?. La pressione era sempre alta. Ma l?Olimpico, l?inno di Antonello Venditi e il derby sono grande emozioni che porto sempre con me. Andare via dalla Roma per firmare con il Bayern ? stato il pi? grande errore della mia vita calcistica?.

Dino Viola: un tuo ricordo.
?Era l?anima della societ?. Spesso assisteva anche agli allenamenti.Un gran signore con un grande core. Quando ? morto ? stato uno choc per tutti, ma soprattutto i calciatori: era come un padre per noi?.

La Coppa Italia vinta: che emozioni provi nel ricordarla?
?Che bello vincere a Torino contro la Juve!?

 

FONTE:?labottegadelcalciofilo.com

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy