Balotelli, da Maradona ad Adriano quanti incroci pericolosi

di finconsadmin

(Ansa) Incroci pericolosi. Relazioni da sottile filo rosso. Quelle in cui spesso si trovano coinvolti campioni del calcio, il più delle volte a loro insaputa. La «gita» di Mario Balotelli a Scampia

di un anno fa, circostanziata in una nota della Direzione distrettuale antimafia di Napoli riporta indietro, fino a casi di frequentazioni discutibili di ben altri personaggi. La memoria corre a quella foto diffusa a inizio anni 90 che ritraeva Diego Armando Maradona nella vasca da bagno a forma di conchiglia in casa dei Giuliano, famiglia egemone in quel periodo a Forcella. Il ‘pibe de orò nei suoi sette anni napoletani è stato più volte al centro di amicizie pericolose. La foto con i boss di Forcella, Maradona che viene tirato in ballo da una prostituta dei quartieri spagnoli, che racconta le «richieste» del campione (donne e cocaina). «Non sapevo chi fossero quelle persone», ha detto Balotelli.

Lo sapeva invece benissimo Adriano, attaccante ex Inter ed ex Roma, che non si è fatto problemi di farsi fotografare con amici della favelas di Vila Cruzeiro, A Rio. Molti dei quali diventati boss o malviventi. Non sapeva di sicuro chi avesse di fronte Cabanas, attaccante del Paraguay, raggiunto alla testa da un colpo di pistola di un mafioso messicano in un bar di Città del Messico, pare per una storia di complimenti a una donna. Higuita, portiere della Colombia, era amico di diversi narcotrafficanti, tra tutti il ‘rè del cartello Pablo Escobar

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy