VIDEO – A lezione da Fonseca: ecco come ha battuto il City due stagioni fa

Paulo Fonseca è passato alle cronache sportive per aver battuto due stagioni fa Guardiola e il suo Manchester City con lo Shakhtar. Una vittoria che gli ha permesso di passare il girone di Champions eliminando il Napoli. In un video, girato lo scorso ottobre, spiega le tattiche usate in quel match.

“Il City è una squadra che pressa molto. Quando attaccano, fanno salire i loro esterni in avanti per esercitare ancora più pressione. Qui ci sono 4 giocatori: 2 ali, un attaccante e un centrocampista. Usano molto questo tipo di gioco. Per uscirne, abbiamo dovuto attirarli verso una delle due fasce. Un rischio massimo. Il nostro obiettivo principale era quello di portarli dentro per liberare uno di questi due giocatori offensivi, facendo salire al tempo stesso gli esterni. In questo modo gli esterni del City non sapevano se seguire il terzino o se mettersi davanti ai nostri esterni. In questo caso il calciatore del City si ritrova a dover saltarci addosso, creando al tempo stesso uno spazio per noi. Così abbiamo avuto la possibilità di far arrivare la palla a uno dei due giocatori offensivi e abbiamo avuto la possibilità di avanzare”.

“Qui (in allenamento, ndc) gli esterni hanno anche un altro centrocampista, perché all’inizio mettiamo più giocatori qui. Qui i nostri terzini, Ismaily e Butko, sono già molto avanzati, creando così un’indecisione nei loro esterni, se uscire oppure mantenere la posizione a causa del nostro terzino. Siamo riusciti a liberarci, qui entrambi i nostri calciatori sono liberi. Ora siamo sull’altra fascia e, ancora una volta, ecco esattamente quello che è successo in partita”.

“Marlos prova ad attirarli qui, in modo da liberare altri spazi. Guardate dove sta Ismaily, sulla linea di centrocampo. Sapevamo che facendo così loro sarebbero potuti entrare in confusione. Se avessero chiuso lo spazio da una parte, avremmo potuto riaprirlo dall’altra. Marlos venendo da questa parte va ad impegnare il loro centrocampista, e noi conquistiamo di conseguenza una superiorità numerica da questa parte, per poi far arrivare la palla qui e tirare fuori il meglio dalle nostre qualità”.

“Qui la confusione che siamo riusciti a creare nel loro terzino libera Ismaily, e così riusciamo a segnare. Qui abbiamo anche approfittato dell’errore di Ederson, il loro portiere. Vedere che quello che abbiamo preparato in allenamento accade in partita è molto soddisfacente”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy